Gestione giornaliera

Gestione documenti di Magazzino

 

Questo programma permette di inserire e modificare tutti i documenti di magazzino di acquisto, di vendita ed interni per movimentazione merci da un magazzino ad un altro, provvedendo all'aggiornamento in tempo reale delle esistenze e dei progressivi (quantità e valori) su ogni articolo movimentato.

Come inserire un nuovo Documento di Magazzino

Immagine

1) Per iniziare è necessario selezionare il tipo documento da generare dall'apposito menu a tendina richiamabile con il pulsante di zoom Immagine,  e successivamente cliccare il pulsante nuovo Immagine

NB: per aprire un documento devono essere indicati precedentemente l'anno, la serie (se indicate più serie nella tabella "Numerazioni Ditta" 1-D-M) ed il numero documento che può essere digitato manualmente o selezionato tra quelli salvati tramite il pulsante di zoom dell'apposito campo oppure dal comando sulla barra degli strumenti Immagine. Diversamente in fase di inserimento viene proposto il numero successivo a quello già utilizzato, per numero documento si intende un numero progressivo interno all'azienda che emette il documento.

Immagine

2) Selezionare il codice cliente/fornitore al quale intestare il documento, esso sarà il destinatario ultimo della merce se trattasi di documenti emessi, oppure il mittente principale in caso di documenti ricevuti, ed inserire le principali informazioni di testata obbligatorie per il corretto salvataggio della registrazione, quali:

  • Tipo bolla/fattura —> Le informazioni preimpostate sul tipo bolla/fattura verranno riportate in fase di registrazione del documento compilando automaticamente i campi corrispondenti, esso può essere utilizzato anche per distinguere tra le stesse tipologie di documenti quali fatturare e quali non fatturare. Se ne possono creare di nuovi accedendo alla tabella dal menu 1-K-G oppure tramite il tasto "gestione" presente nello zoom del campo (per maggiori dettagli vedi argomento specifico).

  • Listino —> In questo campo va indicato il codice listino da considerare per l'applicazione del prezzo all'inserimento dell'articolo, risulterà a 0 se non sono stati creati i listini sulle anagrafiche, oppure verrà proposto il listino specifico se indicato per il cliente/fornitore (hanno sempre la priorità sui listini generici), inoltre se lasciato il listino 0 verrà proposto l'ultimo prezzo di vendita applicato.

  • Pagamento —> Va indicato il codice relativo alla forma di pagamento applicata alla transazione, dopo averle opportunamente preimpostate nella tabella, alla quale si può accedere dalla voce di menu 1-6-6 oppure dal tasto "gestione" presente nello zoom del campo (per maggiori dettagli vedi argomento specifico)

  • Magazzino —> Va indicato il codice magazzino da scaricare oppure da caricare (qualora la causale indicata in "altri dati testata" è una causale di scarico), per magazzino si intende anche un deposito e/o un terzista e vengono differenziati in base al "tipo magazzino" indicato nell'apposita tabella (voce di menu 1-K-F)

​Inoltre sono presenti altre informazioni di testata non obbligatorie come:

  • Destinazione —> Indicare il codice corrispondente alla destinazione della merce (vedi tabella destinazioni diverse in anagrafica clienti/fornitori), esso rappresenta il luogo dove la merce va materialmente consegnata

  • Riferimenti —> Indicare eventuali riferimenti della controparte (per es. numeri di protocollo, di ordine o commessa, ecc.), ma nel caso di documenti ricevuti il numero del documento attribuito dalla controparte, va indicato nell'apposita sezione "Partita documento ricevuto" presente sul piede del documento

  • Agente —> Indicare il codice (eventuale) dell'agente a cui dovranno essere corrisposte (o stornate nel caso di nota di accredito) le provvigioni sulla vendita (vedi argomento "Agenti e Provvigioni")

  • Sconto pagamento —> Se preimpostato sulla forma di pagamento verrà proposto automaticamente

Altri Dati Testata:

Immagine

  • Magazzino 2 —> Il campo è abilitato solo se si utilizza una causale doppia, cioè una causale che aggancia una causale secondaria (vedi argomento "Causali di magazzino"), viene utilizzato solo per i documenti interni di movimentazione (es. Magazzino 1 = Scarico e Magazzino2 = Carico).

  • ABI/CAB —> Verranno proposti automaticamente se indicati precedentemente sull'anagrafica del cliente/fornitore

  • Valuta/Cambio —>  Indicare il codice della valuta estera in cui sono espressi i valori indicati nel documento ed il cambio da utilizzarsi nella determinazione dei controvalori in valuta, questi possono essere precedentemente impostati nella rispettiva tabella "Valute estere" ( menu 1-6-5, oppure vi si può accedere tramite il comando di zoom del campo) 

  • Esenzione —>  Indicare il codice Iva corrispondente al titolo di esenzione da applicarsi (per esempio cod. iva 28 = NON IMP. ART. 8 2.o COMMA), viene utilizzato solo per i documenti di acquisto e vendita qualora il cliente/fornitore sia un esportatore abituale o acquisti/venda merce in esenzione

  • Contropartita —>  indicare il codice della contropartita da utilizzare nella contabilizzazione della fattura di vendita che si sta inserendo (o che deriverà dalla bolla che si sta inserendo), questo campo può essere utilizzato qualora si voglia derogare ai codici contropartita memorizzati sull' anagrafica di ciascun articolo inserito nel documento

  • Causale Magazzino —> Indicare la causale di magazzino da utilizzarsi per la registrazione del documento e l'aggiornamento dell'esistenza e dei progressivi (quantità e valori) su ciascun articolo, essa sarà una causale di scarico, se trattasi di un documento di scarico (es.: bolla/DDT emessa o fattura emessa, corrispettivo, nota di prelievo, ecc.) ; una causale di carico se trattasi di un documento di carico (tipicamente una nota di accredito emessa per reso, oppure un documento ricevuto, o interno, sia esso DDT, Fattura immediata), oppure  una causale doppia (cioè una causale di scarico con causale secondaria agganciata di carico ) se trattasi di documento di scarico su un magazzino e contemporaneamente di carico su un altro magazzino. In caso di causale doppia va obbligatoriamente indicato anche il 'Magazzino  2 (o di carico).

  • Addebita Spese Incasso —>  Indica eventuali spese di incasso (sottoposte a normale aliquota Iva), addebitate nel documento.

  • Addebita Bolli —> Spuntare se debbono essere addebitate le spese di bolli, per un eventuale pagamento che le preveda. Per i documenti di trasporto i bolli non verranno evidenziati direttamente nel piede del documento, ma conteggiati esclusivamente in fase di fatturazione, ma vengono comunque calcolati ed addebitati se il documento è esente e supera il tetto impostato nella tabella bolli. Per documento esente si intende un documento che ha in testata un codice di esenzione iva indicato anche nella tabella bolli nella sezione 'fatture esenti'

  • Proforma —>  la voce è abilitata solo per i documenti di tipo Fattura Immediata e va spuntato se trattasi di una fattura proforma (solitamente in valuta). queste non verranno contabilizzate ed il campo può essere preimpostato automaticamente se indicato sul tipo bolla/fattura

  • Scorporo —> Spuntare solo se i prezzi che verranno successivamente impostati sono prezzi comprensivi di Iva ed il campo  può essere preimpostato automaticamente se indicato sul tipo bolla/fattura

  • Stampa Prezzi in Bolla —> la voce è abilitata solo per i documenti di  tipo DDT e permette di visualizzare i prezzi e gli sconti anche sulla stampa delle bolle, il campo può essere preimpostato automaticamente se indicato sul tipo bolla/fattura

corpo

3) Posizionarsi sul Tab 2, “Corpo”, per poter inserire gli articoli sul documento,  nel campo  il codice articolo  può essere digitato manualmente o selezionato tra le diverse anagrafiche tramite il comando di zoom.

4) Indicare le quantità da scaricare (o caricare in magazzino in caso di documenti di acquisto).

5) Indicare il prezzo  base di vendita (o di acquisto) che può essere anche scelto tra quelli utilizzati precedentemente per l’articolo o tra i listini associati ad esso tramite il comando di zoom del campo.

Nel caso di bolla, il prezzo può anche non essere indicato inizialmente, ma andrà comunque inserito prima di effettuare la fatturazione differita di tale bolla

NB: Il prezzo verrà già proposto se creati dei listini validi per l’articolo e/o cliente/fornitore con priorità a quelli specifici.

6) A questo punto è possibile verificare le condizioni di vendita nel piede del documento prima del salvataggio, tramite l'apposito comando Immagine, oppure modificarle ulteriormente aggiungendo:

  • Spese di incasso —> eventuali spese di incasso (sottoposte ad aliquota Iva) che verranno proposte automaticamente se la forma di pagamento lo prevede, negli altri dati di testata è stata spuntata la voce “Addebita spese incasso”, oppure se l'addebito delle spese è stato indicato direttamente sull'anagrafica del cliente/fornitore

  • Spese imballo —> eventuali spese imballo da addebitare al cliente o al fornitore

  • Abbuoni —> eventuale importo abbuonato al momento dell'incasso del documento, tale importo verrà contabilizzato (vedi argomento "Contabilizzazione documenti di magazzino") su richiesta come abbuono (passivo o attivo) nella registrazione in prima nota.

  • Incassato —> eventuale importo incassato (o pagato) al momento della emissione/ricevimento del documento, tale importo verrà contabilizzato su richiesta come incasso nella registrazione in prima nota

  • Peso Netto/Lordo —> Se indicati sull'anagrafica dell'articolo verranno calcolati automaticamente, diversamente potranno essere indicati manualmente

  • Sblocca Castelletti —> Solo per documenti ricevuti (fatture immediate, note di credito, ...) è possibile, spuntando questa opzione, intervenire nelle cartelle IVA e Contropartite al fine di adattare i dati calcolati dal programma a quelli contenuti nel documento ricevuto, oltre alla possibilità di indicare eventuali spese incasso, omaggi o bolli applicate dal fornitore.(è opportuno utilizzare questo strumento prima di contabilizzare le fatture ricevute, al fine di impostare tali dati in modo corrispondente ai calcoli effettuati dal fornitore, se si vuole procedere con una successiva contabilizzazione di tali documenti)

NB: se indicato un abbuono o un incasso sugli ordini/impegni, in fase di evasione con i documenti di magazzino questi non verranno riportati automaticamente

​Inoltre sono presenti altre informazioni di piede non obbligatorie come:

Altri dati di piede

Immagine

  • Causale —> Indicare il codice causale di magazzino che descrive la causale di trasporto, essa può anche essere diversa (senza alcuna controindicazione in quanto puramente descrittiva) dalla causale utilizzata nel corpo del documento per l'aggiornamento del magazzino e può essere proposta automaticamente se indicata nella tabella tipi bolle/fatture.

  • Aspetto dei Beni —>  Indicare (ma si può anche lasciare a zero) l'eventuale codice degli aspetti esteriore dei beni per far si che il programma proponga la relativa descrizione nel campo successivo, eventualmente e possibile imputare manualemnte la descrizione dell'aspetto esteriore dei beni, per esempio scatole, pacchi, ecc...

  • Trasp. a cura del —> Permette di selezionare la modalità di trasporto, se a cura del mittente, destinatario o del vettore

  • Dest. diversa 2 —> In caso di documento in cui il destinatario e l'intestatario della fattura sono soggetti diversi, indicare il codice destinazione che rappresenta il destinatario della merce (il campo 'Destinatario' della prima pagina del documento verrà utilizzato per indicare il soggetto a cui andrà emessa la fattura)

  • Vettore —> Indicare il codice dell'eventuale ulteriore vettore (o spedizioniere) che si occupa del trasporto della merce.

  • Porto —> Indicare il codice del tipo porto che definisce la modalità di addebito (o meno) delle spese di trasporto.

  • Tipo Movimento —> Solo per documenti emessi/ricevuti soggetti a soggetti CEE, indicare il tipo di movimento se no intrastatacquisto o cessione, valore predefinito del campo è calcolanto in base al tipo documento (per default sui ddt emessi è cessioni , sui ddt ricevuti acquisto, ecc...), gli unici tipi documenti gestiti sono fatt. imm. emesse, DDT emessi, corrispettivi emessi, note di accredito emesse, note di addebito emesse, fatt. ric. fisc. emesse, fatt. imm. ricevute, DDT ricevuti e note di accredito ricevute . Il campo non eredita le impostazioni dall'Anagrafica Cliente/Fornitore con automatismi particolari, ma deve essere impostato manualmente.

  • Natura Transaz. —>  Questo campo può essere utilizzato solo per documenti emessi/ricevuti a soggetti CEE.  

  • Partita Documento Ricevuto —> I campi sottostanti contengono le informazioni relative all'anno, serie, numero e data partita da indicare, soprattutto se trattasi di documento ricevuto, in base a quelli attribuiti dal emittente del documento (tipicamente il fornitore).

  • Provvigioni Estratte —> Se selezionato significa che le provvigioni di questo documento sono già state elaborate dal programma 'Generazione Provvigioni', i campi sottostanti contengono le informazioni relative all'imponibile ed alle provvigioni da corrispondere agli agenti. Non è possibile modificare questi valori manualmente perchè al salvataggio del documento i valori vengono ricalcolati in base al contenuto delle righe

  • Ulteriori Spese —> La funzionalità è utilizzabile solo per i documenti ricevuti e permette di accedere ad una finestra per l'imputazione di oneri accessori di acquisto (spese doganali, spese di spedizione e altre spese) non compresi dal fornitore nel documento, questi andranno ad agire sul costo medio degli articoli, ripartendosi in base al valore sulle righe del corpo del documento.

  • Modifica Scadenze —> La funzionalità non è utilizzabile per i documenti da riepilogare e solo se sul documento è presente una rimanenza da pagare, cioè sono presenti delle rate ancora da saldare. Permette di accedere ad una finestra nella quale è possibile modificare entro un massimo di 5 rate, importi, tipi e date di scadenza delle rate stesse

  • Castelletti —> Permette di accedere ad una finestra di dettaglio dei castelletti Iva e delle contropartite, per i documenti ricevuti è possibile anche modificare tali valori dopo aver selezionato la spunta Sblocca Castelletti

​Inoltre sono presenti ulteriori funzionalità per agevolare il lavoro dell'operatore, queste sono raggiungibili dai tre menu presenti sulla barra degli strumenti, quali:

Seleziona ordini

Immagine

Con questa funzionalità è possibile richiamare una maschera per visualizzare gli ordini in essere per il cliente/fornitore a cui è intestato il documento, se ne potranno selezionare uno o più di essi e in tal caso il corpo del documento verrà automaticamente riempito con il contenuto degli ordini (per la parte inevasa).

Immagine

Seleziona righe d'ordine

Immagine

Con questa funzionalità è possibile richiamare una maschera per visualizzare gli ordini in essere con il cliente/fornitore per l'articolo prescelto, se ne potranno selezionare uno o più di esse e in tal caso verranno proposti i dati della riga (o delle righe) d'ordine selezionata, a partire dalla riga in cui si è posizionati, queste potranno essere evase in conto (evase parzialmente e richiamabili più volte fino all'evasione totale, oppure a saldo (evase totalmente e non richiamabili successivamente) tramite l'apposita spunta "Evaso C/S".

Immagine

Menu Testata

Immagine

  • Nuovo documento da precedente —> Questa voce è abilitata solo per i documenti già salvati e permette di duplicare il documento aperto in modifica in qualsiasi altro tipo documento

  • Dati contabili sintetici —> Permette di richiamare una maschera che consente di vedere la situazione contabile del cliente/fornitore, inoltre è possibile entrare nel dettaglio degli importi tramite i tasti zoom

Immagine

  • Modifica tipo/numero documento —> Questa voce è abilitata solo per i nuovi documenti non ancora salvati e permette di modificare il tipo documento ed il numero documento

  • Rettifica totale documento —> Dalla maschera richiamata è possibile rettificare il totale del documento diminuendolo di un importo, piuttosto che di una percentuale oppure inserendo manualmente quello che dovrà essere il totale, il programma provvederà a calcolare gli sconti di riga necessari per ottenere il risultato desiderato.

  • Seleziona ricevute fiscali da riemettere —> Questa voce è abilitata solo per i documenti di tipo "riemissione ricevuta fiscale" e permette di richiamare successivamente ricevute fiscali già contabilizzate ma non incassate, per poterle incassare.

  • Navigazione documenti —> Questa voce è abilitata solo per i documenti già salvati e permette di visualizzare graficamente la sequenza dei documenti emessi/ricevuti/registrazione contabile e Scadenze relative, per il ciclo passivo (acquisti) il percorso: Ordine fornitore - DDT ricevuto - Fattura differita ricevuta - Partita/registrazione contabile - Scadenze relative.

  • Scheda di trasporto —> Questa finestra consente all'operatore di compilare i dati relativi alla scheda di trasporto se indicato almeno un codice vettore nel piede del documento, per ogni documento creato può esserci una sola scheda di trasporto collegata e qualora sia stata compilata, il programma provvede a lanciare automaticamente anche la stampa.

Menu Riga —> Questo menu è abilitato solo se posizionati sul tab "Corpo"

Immagine

  • Mostra precedenti movimenti —>  Permette di richiamare una maschera per visualizzare la scheda movimenti di quell'articolo, per il cliente/fornitore a cui è intestato il documento (utile per controllare il prezzo e gli sconti applicati nella precedente vendita).

  • Note riga —> quando si è su una riga nel corpo del documento viene aperta una schermata che consente la visualizzazione/modifica del campo 'Note' di riga.

  • Inserisci riga —> Con questa funzionalità è possibile inserire una riga tra due già esistenti, ciò è reso possibile solo se la numerazione tra le righe lo permette e la nuova riga verrà posta in coda a quelle già presenti. (Per poter riordinare le righe premere l'apposito pulsante del menu strumenti)

  • Ricalcola colli da quantità —> Se posizionati su una riga alla quale sono state modificate le quantità, con questa funzionalità verranno ricalcolati anche i colli in base alle nuove quantità

  • Salva condizioni particolari —> Permette di registrare/aggiornare negli archivi listini/sconti/provvigioni eventuali condizioni particolari (condizioni di vendita indicate manualmente, diverse da quelle preimpostate sulle anagrafiche) in modo che vengano riproposte automaticamente la volta successiva per quel cliente/articolo (o fornitore/articolo).

​Posizionandosi sulla voce Seleziona si aprirà un ulteriore sotto menu con le seguenti funzionalità:

Immagine

  • Righe d'ordine con barcode —> Questa funzione consente di selezionare le righe d'ordine da evadere mediante la scansione del codice a barre dell'articolo, attraverso apposite pistole in emulazione tastiera, si può accedere alla voce di menu solo sui nuovi documenti (non, quindi, su quelli presi in modifica) e solo se nel corpo del documento non sono ancora presenti righe di articoli, poichè l'operazione può essere effettuata solo una volta sullo stesso documento

Immagine

Al momento dell'apertura questa finestra espone tutte le righe relative ad impegni cliente inevase, in base all'ordinamento scelto a destra.
Le righe già parzialmente evase, con altri precedenti documenti, vengono evidenziate in giallo e premendo il pulsante Inizia acquisizione appare in basso a destra la richiesta del codice a barre sulla quale è possibile scandire il barcode dell'articolo.

Immagine

Ad ogni scansione il programma provvede a individuare nella finestra la riga d'ordine dell'articolo associato al barcode e ad aggiungere 1 quantità (o la quantità associata al barcode/unità di misura) nella colonna Q.tà da evadere, in caso di successive scansioni relative allo stesso articolo viene progressivamente aumentata la quantità nella colonna Q.tà da evadere. (Tali righe in corso di evasione parziale assumono colore giallo)
 Quando la quantità da evadere è pari alla quantità residua della riga d'ordine, la riga viene evidenziata in verde (cioè evasa a saldo), cioè pronta per essere evasa a saldo e se ci sono più righe d'ordine su uno stesso codice articolo, vengono assegnate le evasione alla riga d'ordine cronologicamente più vecchia (relativamente alla data ordine)
Scandendo un codice a barre relativo ad un articolo che non esiste fra le righe d'ordine in essere (oppure è terminata l'evasione a saldo di righe d'ordine per l'articolo) tale riga viene inserita nella finestra, in fondo, di colore rosso: queste righe non porteranno alcun riferimento all'ordine.

Immagine

Premendo il pulsante Inizia cancellazione appare in basso a destra la richiesta del codice a barre sulla quale è possibile scandire il barcode dell'articolo, ad ogni scansione il programma provvede a scalare le quantità precedentemente selezionate attraverso la Modalità "ACQUISIZIONE"
Se selezionate tutte le righe premendo il pulsante Conferma il programma provvede a importare nel corpo del documento gli articoli selezionati, con i riferimenti alle righe d'ordine considerate dall'evasione, unitamente alle nuove righe di articoli senza riferimento all'ordine (righe rosse), durante tale operazione verranno acquisite tutte le condizioni commerciali (prezzi/sconti, ...) come presenti negli ordini, esattamente come nelle evasioni delle righe manuali.

Premendo invece il pulsante Terminale (Ctrl+K) si attiva la funzione di acquisizione da file terminale come impostata in Gestione Documenti (Strumenti/Imposta file terminale), questa funzione propone l'evasione delle righe d'ordine non più per singolo barcode, come nella funzione "Inizia acquisizione" sopra descritta, ma dalla lista degli articolo/barcode scaricati da un terminalino.

  • Precedenti acconti —> Permette di visualizzare l'elenco di fatture o ric. Fiscali di acconto emessi nei confronti del soggetto e non ancora chiusi, la riga selezionata in questo elenco verrà riportata sul documento e chiuderà parzialmente o totalmente il documento di acconto.

  • Da terminale —> Tramite queste funzioni è possibile acquisire velocemente e massivamente un elenco di righe da un file, questo potrebbe essere creato tramite la funzione di esporta righe e usato dalle funzioni precedenti per copiare velocemente delle righe fra ordini\documenti diversi. (vedi "Imposta file terminale")

  • Da lista selezionata —> Tramite queste funzioni è possibile acquisire velocemente e massivamente un elenco di righe da una lista selezionata articoli, creata in precedenza dal menu 1-L-1

  • Importa righe —> Tramite questo comando è possibile acquisire velocemente e massivamente un elenco di righe da un file esterno (in formato ASCII e TXT), il quale può essere anche generato con la funzione "esporta righe selezionate", queste funzioni possono essere usate per poter copiare velocemente le righe tra un documento all'altro, ma non verranno ereditati i riferimenti del documento di origine. Le righe verranno inserite automaticamente nel corpo del documento ed in base alla configurazione per l'importazione (vedi "Impostazione File Terminale") verranno proposte le informazioni come: codice articolo, quantità, prezzi, sconti, provvigioni ecc.​ 

Immagine

  • Esporta righe selezionate —> Tramite questo comando è possibile generare un file di testo contenente le righe selezionate dal corpo di un documento, configurando l'apposita maschera (vedi "Impostazione File Terminale) si potranno esportare solo le informazioni di riga desiderate, come codice articolo, quantità, prezzi, sconti, provvigioni ecc.

Immagine

  • Seleziona\deseleziona le righe da esportare —> Questa funzionalità permette di selezionare o deselezionare, per l'esportazione (vedi esporta righe file terminale), contemporaneamente tutte le righe presenti nel corpo del documento

Menu Strumenti

Immagine

  • Registratore di cassa —> Solo per i documenti di tipo Corrispettivo e Ricevuta fiscale (con lo scorporo), questo comando permette di lanciare la stampa dello scontrino su registratore di cassa.

NB: Per poter stampare lo scontrino Friendly comunica con i registratori di cassa tramite un programma esterno, il WPos1, fornito da RTS Engeenering (vedi sito  www.rtseng.it)

  • Stampa etichette per riga —> Questa funzionalità permette di produrre etichette relative agli articoli trattati nel documento ed il numero delle etichette da stampare per ciascun articolo è stabilito dalla quantità indicata su ciascuna riga del documento, oppure può essere indicato manualmente nell'apposito campo.
    Questa maschera può essere richiamata anche direttamente dal menu di Friendly (1-L-D) ed in questo caso potrà essere scelta la tipologia del documento da cui prelevare i dati oppure selezionare direttamente gli articoli per i quali dovranno essere stampate le etichette.
    NB:  Il programma non ha la possibilità di stampare i prezzi, se scelti, riferiti ad un'unità di misura diversa dalla principale

Immagine

  • Stampa etichette finali —> Questa funzionalità permette di stampare le etichette da applicare sui colli per le spedizioni,  verranno considerate le righe del documento da cui è stata lanciata la stampa oppure dal tipo documento selezionato ed il numero di etichette dipende dal n. totale dei colli riportato sulla bolla o fattura all'atto del suo inserimento, ad esempio se il n. dei colli è 3, verranno stampate 3 etichette, in cui verranno riportati i seguenti numeri di collo: 
    - 1/3 = primo di 3 colli
    - 2/3 = secondo di 3 colli
    - 3/3 = terzo di 3 colli

    NB: Selezionata la voce di menu la maschera verrà aperta solo dopo aver stampato a video il documento

Immagine

  • Configura Registratore di cassa —> In questa maschera è possibile configurare le informazioni necessarie per poter stampare gli scontrini su registratori di cassa, per prima cosa è necessario indicare il percorso della cartella in cui verranno generati i file di scambio (file che verranno utilizzati dal WPos1), successivamente andrà indicata la porta di comunicazione tra il pc ed il registratore di cassa (con il Wpos1 può essere effettuato il test di verifica della porta COM)
    NB: Per i modelli di registratori di cassa SAREMA è disponibile un programma di collegamento "WPOS1", da acquistare a parte, realizzato dalla RTS Engineering di Bologna, che provvede all'invio dei dati prodotti dal gestionale (il file ASCII in formato Sarema Language) al registratore fisicamente collegato al PC tramite la porta seriale o porta COM

    La RTS ha reso disponibile programmi di collegamento con altre marche/modelli di registratori di cassa, che fanno uso sempre in input del file ASCII in formato Sarema Language generato da Friendly, poichè esistono tanti programmi WPOS1 quanti sono i modelli di registratori supportati, per ulteriori informazioni si consiglia di contattare la RTS www.rtseng.it.

Immagine

  • Dopo salva - Nuovo —> Se selezionata al salvataggio di un documento il programma si posizionerà automaticamente in modalità "Nuovo".

  • Riapri Doc. dopo salva —> Se selezionata, al salvataggio il documento non verrà chiuso

  • Ordina riga per... —> Questa funzionalità permette di riordina le righe del corpo del documento per riga, codice articolo o per descrizione, queste verranno riordinate in base alla configurazione scelta al lancio del comando "Riordina Righe".

  • Numerazioni —> Permette di richiamare la tabella per l'impostazione delle numerazioni delle varie tipologie di documenti

  • Tabella Bolli —> Permette di richiamare la tabella per l'impostazione dei bolli da addebitare al Cliente/Fornitore (vedi "Addebita bolli")

  • StampaPdf —> Questo comando permette di richiamare la maschera per la stampa dei documenti in formato pdf ed il loro invio per e-mail, questa è richiamabile da diversi programmi e le impostazioni di default cambiano a seconda del programma da cui viene richiamata (vedi argomento "Gestione/Invio Pdf")

  • Imposta file Terminale —> Tramite questa voce è possibile richiamare una maschera dove specificare le modalità di acquisizione del file esterno e le relative specifiche che caratterizzano il formato del file, con queste funzionalità è infatti possibile generare le righe dei documenti (o ordini) acquisendo gli articoli, quantità ed opzionalmente anche i prezzi, da un file esterno, ad esempio scaricato da un lettore di codici a barre con memoria. 

Immagine

- Esegui Comando —> Questo comando consente di lanciare un programma che verrà eseguito, in modalità sincrona, prima di acquisire il file, se spuntato è obbligatorio specificare la linea di comando (percorso incluso) compresi gli eventuali parametri al file di programma, se necessari (per nome del programma e la sintassi degli eventuali parametri, fare riferimento alla documentazione del lettore terminale che si dispone). Con l'apposito pulsante a lato della casella, è possibile selezionare il file di programma da eseguire, durante l'esecuzione dell'importazione, e prima di lanciare il comando, verrà cancellato, se esiste, il file dei dati (campo dedicato ai rivenditori).

Percorso e nome file —> Questo dato è sempre obbligatorio e rappresenta il nome del file (percorso incluso) dove saranno contenuti i dati degli articoli da acquisire nel corpo dei documenti/ordini.

Lancia il comando in modalità nascosta —> Questa voce si abilita quando è indicato di eseguire un comando, è possibile specificare se eseguire in modalità nascosta (sopprimendo l'eventuale interfaccia grafica) o meno. L'utilizzo di questa opzione dipende dalle caratteristiche del programma da eseguire sopra indicato

Elimina il file a fine acquisizione —> Se selezionato, al termine della acquisizione degli articoli nel corpo dei documenti il file, come sopra indicato, verrà cancellato. Il file viene comunque cancellato, qualora esista, anche prima di eseguire il comando

Ignora primo record —> Alcuni file ASCII, acquisiti da lettori terminali, vengono creati con una prima riga contenente informazioni sul codice del terminale, data/ora acquisizione, dati che devono essere ignorati durante l'acquisizione; attivando questa opzione, la prima riga viene scartata, indipendentemente dal suo contenuto

Visualizza file log con gli errori di importazione —> Durante l'acquisizione delle righe, se si verificano degli errori di qualsiasi tipo, viene generato un file di log, di nome Bsvebolx.log (nella cartella dove è installato Friendly) con l'indicazione dell'errore intervenuto. 

- Tipo file —>  Rappresenta il formato di file che si intende acquisire. è obbligatorio che il file sia di tipo ASCII, i cui campi siano disposti a posizioni fisse (che rappresenta l'impostazione predefinita) oppure con separatore di campo (il separatore deve essere specificato nella apposita casella e deve essere di un solo carattere). A seguire 2 esempi di file ASCII nei formati accettati:

a) posizioni fisse (1-18 cod. articolo, 19-26 quantità, 27-36 prezzo, separatore decimale , [virgola]):

CODART1           00124,000003000,00
CODART2           00018,000012000,00
CODART35          00001,000000800,00

b) separatore di campo (separatore ; [punto e virgola], cod. articolo pos. 1, quantità pos. 2, prezzo pos. 3, separatore decimale , [virgola]):

CODART1;124,00;3000,00
CODART2;18;12000
CODART35;1,00;800,00

Altri formati di file ASCII non sono riconosciuti dal programma e possono portare a risultati inaspettati.

Separatore decimale —> Rappresenta il carattere con cui un campo numerico, nel file, viene suddiviso fra parte intera e parte decimale. Il valore predefinito è , [virgola] che rappresenta il separatore decimale standard italiano. Altro carattere consentito è il . [punto]. Utilizzando il carattere , [virgola] il programma cerca di interpretare il campo numerico applicando le impostazioni dei numeri italiane (virgola come separatore decimale, punto come separatore migliaia); qualora il campo risulti non di tipo numerico, verrà utilizzato il valore 0 [zero], segnalando nel file di log questa anomalia. Utilizzando il carattere . [punto] il programma cerca di interpretare il campo numerico applicando le impostazioni dei numeri americane (punto come separatore decimale, virgola come separatore di migliaia); qualora il campo risulti non di tipo numerico, verrà utilizzato il valore 0 [zero], senza segnalare alcuna anomalia del file di log.

Campi —> Mediante questo riquadro si indica l'esatta posizione dei campi. Il codice articolo può essere identificato in 4 modi diversi:

  • Cod. articolo o Barcode o Cod. Art. C/F l'articolo viene ricercato attraverso il codice articolo interno di Friendly, il codice a barre dell'articolo e il codice articolo attribuito dal cliente/fornitore

  • Cod. articolo l'articolo viene ricercato -  solo attraverso il codice articolo interno di Friendly

  • Barcode l'articolo viene ricercato solo - attraverso il codice a barre dell'articolo

  • Cod. Art. C/F l'articolo viene ricercato - solo attraverso il codice articolo attribuito dal cliente/fornitore

Qualora il codice articolo (e/o codice a barre, e/o codice articolo cliente/fornitore) non sia presente o rilevato, il programma cerca comunque di importare la riga dal file, attribuendo in tali circostanze l'articolo fittizio D (che deve ovviamente già esistere), nella descrizione di tale riga verrà indicata una stringa che riporta il codice non trovato (ad esempio 'Barcode 80057781 non trovato.') ed a tale riga verrà comunque attribuita quantità e, se presente, il prezzo. L'indicazione del campo quantità è obbligatoria, opzionale è invece la presenza, nel file, del campo prezzo. Qualora sia indicato il prezzo, implicitamente rappresenta:

  • il prezzo in lire/euro per i documenti/ordini non in valuta

  • il prezzo in valuta per i documenti con indicato il codice in valuta

  • il prezzo iva inclusa se il documento è di tipo iva inclusa (scorporo)

Per ognuno di questi campi va indicata la posizione (iniziando con 1 da sinistra verso destra) per tipi file con separatore di campo; va indicato invece la posizione di inizio/fine di ogni singolo campo, per i file di tipo a posizione fissa. L'errata indicazione di tali posizioni può portare a risultati inaspettati.

Come utilizzare l'importazione da file terminale

Dopo aver configurato correttamente le maschere sopra indicate, le procedure per l'utilizzo delle funzionalità di importazione da terminale sono le seguenti:

1. Posizionarsi sul documento prescelto contenente le righe da esportare

2. Selezionare le righe spuntando l'apposito campo in griglia (Seleziona)

3. Dopo aver selezionato le righe prescelte lanciare il comando: Menu riga → Seleziona → Esporta Righe, in questo modo verrà generato il file di testo nella cartella indicata nella maschera "Esportazione righe" del file terminale (vedi sopra)

4. Posizionarsi sul documento e dopo aver indicato i dati di testata, lanciare il comando: Menu Riga → Seleziona → Importa righe, in questo modo verrà elaborato il file presente nella cartella indicata nella maschera "Importazione Righe" del file terminale (vedi sopra).
Importando articoli nel corpo dei documenti, qualora una riga sia valorizzata (possieda cioè prezzo e quantità diversi da zero) è obbligatorio che l'articolo possieda il relativo codice iva e codice contropartita, la mancanza di tali dati obbligatori porta a scartare tali righe, con la segnalazione dell'anomalia nel file di log. ed i campi: magazzino, causale, commessa, ecc., verranno rilevati dalla testata, così come negli inserimenti manuali di righe. Inoltre se indicato nel file di acquisizione un articolo kit con i relativi componenti, questi non verranno esplosi nel corpo, nel senso che non verranno considerati come articoli padre/componenti, ma come articoli normali.

5. Invece se si utilizza un file esterno (creato manualmente o da lettore) e si voglio considerare le impostazione del file terminale, posizionati sul corpo del documento selezionare il comando: Menu Riga → Seleziona → Da Terminale, oppure con il tasto a scelta rapida Ctrl + K in qualsiasi punto del programma purché siano già validati i dati di testata.
In questo modo verranno acquisiti i dati presenti nel file e compilate le righe nel corpo. Qualora il campo prezzo non sia indicato fra i campi da acquisire, la determinazione del prezzo avviene normalmente, allo stesso modo dell'inserimento manuale di un articolo sul corpo dei documenti/ordini. Stesso discorso per gli sconti, provvigioni e tutti gli atri dati che caratterizzano le righe dei documenti, i quali vengono sempre determinati nel momento dell'importazione.

 

 

 

 

Funzioni di selezione su gestione ordini e documenti Da terminale, Da lista selezionata, Importaesporta righe

Tramite queste funzioni si acquisisce velocemente e in maniera massiva un elenco di righe da un file o da una lista selezionata articoli; inoltre, tramite la funzione di esporta righe, è possibile creare un file che può essere usato dalle funzioni precedenti per copiare velocemente delle righe fra ordini o documenti diversi.

Dal menù Strumenti, tramite la voce "Imposta file terminale" è possibile specificare le modalità di acquisizione del file esterno e le relative specifiche che caratterizzano il formato del file. Con queste funzionalità si generano le righe di documenti o ordini, acquisendo gli articoli, le quantità e, su opzione, anche i prezzi, da un file esterno, ad esempio scaricato da un lettore di codici a barre con memoria. Questa funzionalità è disponibile su tutti i tipi documento, ad esclusione di quelli di produzione (carico di produzione). Nel caso dei documenti, durante l'acquisizione degli articoli, non avviene alcun controllo sugli ordini/note eventualmente in essere sul cliente/fornitore indicato in testata; le righe generate con questo strumento non riportano alcun riferimento a ordini, note di prelievo, bolle di carico (nelle bolle di reso lavorato senza trasformazione) o riferimenti a carico di produzione (bolle di reso lavorato con trasformazione).

Esegui il comando

Se attiva, l'opzione esegue un programma, in modalità sincrona, prima di acquisire il file; è obbligatorio specificare la linea di comando (percorso incluso) compresi gli eventuali parametri al file di programma, se necessari (per nome del programma e la sintassi degli eventuali parametri, fare riferimento alla documentazione del lettore terminale di cui si dispone). Con l'apposito pulsante a lato della casella, è possibile selezionare il file di programma da eseguire. Durante l'esecuzione dell'importazione, e prima di lanciare il comando, verrà cancellato, se esiste, il file dei dati.

Percorso e nome file

Questo dato è sempre obbligatorio e rappresenta il nome del file (percorso incluso) dove saranno contenuti i dati degli articoli da acquisire nel corpo dei documenti/ordini.

Lancia il comando in modalità nascosta

Se è indicato di eseguire un comando, è possibile specificare se eseguire in modalità nascosta (sopprimendo l'eventuale interfaccia grafica) o meno. L'utilizzo di questa opzione dipende dalle caratteristiche del programma da eseguire sopra indicato.

Elimina il file a fine acquisizione

Se selezionato, al termine dell'acquisizione degli articoli nel corpo dei documenti, il file sarà cancellato. Il file viene comunque cancellato, qualora esista, anche prima di eseguire il comando.

Ignora primo record

Alcuni file ASCII acquisiti da lettori terminali sono creati con la prima riga contenente informazioni sul codice del terminale (data, ora acquisizione, ...), dati che devono essere ignorati durante l'acquisizione; attivando questa opzione, la prima riga viene scartata, indipendentemente dal suo contenuto.

Visualizza file log con gli errori di importazione

Durante l'acquisizione delle righe, se si verificano errori di qualsiasi tipo, viene sempre generato un file di log di nome Bsvebolx.log, salvato nella cartella d'installazione di Friendly, con l'indicazione dell'errore intervenuto. Questa opzione consente di visualizzarlo a fine importazione tramite Blocco Note. Il file di log viene rimosso ad ogni acquisizione.

Tipo file

Rappresenta il formato di file che s'intende acquisire. É obbligatorio che il file sia di tipo ASCII, i cui campi siano disposti a posizioni fisse (che rappresenta l'impostazione predefinita) oppure con separatore di campo (il separatore dev'essere di un solo carattere e specificato nell'apposita casella). A seguire 2 esempi di file ASCII nei formati accettati:

a)posizioni fisse (1-18 cod. articolo, 19-26 quantità, 27-36 prezzo, separatore decimale , [virgola]):

CODART1 00124,000003000,00
CODART2 00018,000012000,00
CODART35 00001,000000800,00

b)separatore di campo (separatore ; [punto e virgola], cod. articolo pos. 1, quantità pos. 2, prezzo pos. 3, separatore decimale , [virgola]):

CODART1;124,00;3000,00
CODART2;18;12000
CODART35;1,00;800,00

Altri formati di file ASCII non sono riconosciuti dal programma e possono fornire risultati inaspettati.

Separatore decimale

Rappresenta il carattere con cui un campo numerico, nel file, viene suddiviso fra parte intera e parte decimale. Il valore predefinito è "," [virgola] che rappresenta il separatore decimale standard italiano. Altro carattere consentito è il "." [punto]. Utilizzando il carattere "," [virgola] il programma cerca di interpretare il campo numerico applicando le impostazioni dei numeri italiane (virgola come separatore decimale, punto come separatore migliaia). Qualora il campo risulti non di tipo numerico, sarà utilizzato il valore 0 [zero], segnalando nel file di log questa anomalia. Utilizzando il carattere "." [punto], il programma cerca d'interpretare il campo numerico applicando le impostazioni dei numeri americane (punto come separatore decimale, virgola come separatore di migliaia); qualora il campo risulti non di tipo numerico, sarà utilizzato il valore 0 [zero], senza segnalare alcuna anomalia nel file di log.

Campi

Mediante questo riquadro si indica l'esatta posizione dei campi. Il codice articolo può essere identificato in 4 modi diversi:

  • Cod. articolo o Barcode o Cod. Art. C/F l'articolo viene ricercato attraverso il codice articolo interno di Friendly, il codice a barre dell'articolo e il codice articolo attribuito dal cliente/fornitore
  • Cod. articolo l'articolo viene ricercato solo attraverso il codice articolo interno di Friendly
  • Barcode l'articolo viene ricercato solo attraverso il codice a barre dell'articolo
  • Cod. Art. C/F l'articolo viene ricercato solo attraverso il codice articolo attribuito dal cliente/fornitore

Qualora il codice articolo (e/o codice a barre, e/o codice articolo cliente/fornitore) non sia presente o rilevato, il programma cerca comunque di importare la riga dal file, attribuendo in tali circostanze l'articolo fittizio D, che deve già esistere; nella descrizione di tale riga sarà indicata una stringa che riporta il codice non trovato (ad esempio 'Barcode 80057781 non trovato.'); a tale riga sarà comunque attribuita quantità e, se presente, il prezzo. L'indicazione del campo quantità è obbligatoria, opzionale è invece la presenza, nel file, del campo prezzo: qualora sia indicato il prezzo, implicitamente rappresenta:

  • il prezzo in euro per i documenti/ordini non in valuta;
  • il prezzo in valuta per i documenti con indicato il codice in valuta;
  • il prezzo Iva inclusa se il documento è di tipo Iva inclusa (scorporo).

Per ognuno di questi campi va indicata la posizione (iniziando con 1 da sinistra verso destra) per tipi file con separatore di campo; va indicata invece la posizione di inizio/fine di ogni singolo campo, per i file di tipo a posizione fissa. L'errata indicazione di tali posizioni può portare a risultati inaspettati.

Tutte le informazioni sulle codifiche sopra riportate sono salvate nel Registro di Friendly nelle chiavi BsvebollTerminale... Non è consigliato modificare manualmente tali opzioni di registro, perchè è più comodo avvalersi della finestra sopra descritta, che non consente di salvare informazioni non congrue.

Sempre dal menù Strumenti - Imposta file terminale si configurano anche le impostazioni relative alle funzioni di esportazione e importazione righe (importazione file).

Con la voce di Menù riga Seleziona Da terminale, oppure con il tasto a scelta rapida Ctrl + K in qualsiasi punto del programma purché siano già validati i dati di testata, vengono acquisiti i dati presenti nel file e compilate le righe nel corpo. Qualora il campo prezzo non sia indicato fra i campi da acquisire, la determinazione del prezzo avviene normalmente, come in un inserimento manuale di un articolo sul corpo dei documenti/ordini. Stesso discorso per gli sconti, provvigioni e tutti gli atri dati che caratterizzano le righe dei documenti, i quali vengono sempre determinati al momento dell'importazione.

Importando articoli nel corpo dei documenti, qualora una riga sia valorizzata (possieda cioè prezzo e quantità diversi da zero), è obbligatorio che l'articolo possieda il relativo codice Iva e codice contropartita: la mancanza di tali dati obbligatori porta a scartare tali righe, con la segnalazione dell'anomalia nel file di log. I campi magazzino, causale, commessa, ... saranno rilevati dalla testata, così come negli inserimenti manuali di righe. I controlli di riga eventualmente impostati (controllo sottocosto, controllo esistenza, scorta minima, ...) non sono eseguiti durante l'importazione delle righe. La presenza, nel file da acquisire, di articoli kit padri comporta comunque l'acquisizione di tali articoli, ma l'articolo kit non è esploso nei suoi componenti.

Ad esempio, importando con la selezione delle righe da terminale il seguente file:

con le impostazioni fatte sopra nella prima schermata, otteniamo il seguente risultato:

Per usare la funzione di esportazione righe occorre attivare, tramite il CTRL + ALT + Click SX, la colonna per la selezione delle righe sulla griglia del corpo documenti/ordini.

Quindi, ad esempio, se selezioniamo le due righe come visualizzato nella schermata sopra, lanciando la voce Menù riga Seleziona Esporta righe selezionate, creiamo un file con le impostazioni settate in precedenza.

Posizionandoci ora su una nuova riga (o su un nuovo documentoordine), possiamo riacquisire, ad esempio, il file appena creato con la funzione inversa Menù riga Seleziona Importa righe.

Come ultima funzionalità, descriviamo la Menù riga Seleziona Da lista selezionata, che importa nel corpo del documento le righe presenti nella lista selezionata, portando tutte le informazioni disponibili per l'articolo, come lotto, commessa, ecc...

La lista può essere importata solo è associata allo stesso magazzino della testata del documento ed è in status di completata. L'importazione da lista selezionata è disponibile in gestione documenti anche da righe d'ordine da barcode, ma in questo caso non effettua alcun controllo sul magazzino.

Scheda di trasporto

Il programma della Scheda di trasporto è richiamabile dai programmi Gestione documenti e Gestione ordini tramite l'apposita voce nel menù di testata. Questa finestra consente all'operatore di compilare i dati relativi alla scheda di trasporto. L'apertura di questa finestra avviene quando l'operatore clicca sulla voce di menù, oppure, se abilitata l'apposita opzione di registro (BSVEBOLL/OPZIONI/ConfermacompilazioneSchedaTrasp = -1, BSVEBOLL/OPZIONIDOC/ConfermacompilazioneSchedaTrasp = -1, BSORGSOR/OPZIONI/ConfermacompilazioneSchedaTrasp = -1, BSORGSOR/OPZIONIDOC/ConfermacompilazioneSchedaTrasp = -1), quando si salva/stampa il documento. Per ogni documento creato può esserci una sola scheda di trasporto collegata. Quando si procede alla stampa del documento/ordine, qualora la scheda di trasporto sia stata compilata, il programma provvede a lanciare automaticamente anche la stampa della scheda di trasporto (BSORGSOR/Reports4/BSVESCTR.RPT se la scheda di trasporto è compilata in gestione ordini, BSVEBOLL/Reports4/BSVESCTR.RPT se la scheda di trasporto è compilata in gestione documenti).

Rif. documento

Riporta il riferimento al documento.

Vettore

Selezionare il vettore per la scheda di trasporto.

Codice vettore

Codice del vettore selezionato.

Iscr. albo autotrasp.

Riporta il numero di iscrizione all'albo del vettore selezionato.

Committente

Permette di selezionare fra la ditta, il cliente, le destinazioni del cliente e il conto fatturazione (se presente) o selezionando (Atro manuale) indicando i singoli campi.

Cod. soggetto com.

Eventuale codice conto del soggetto committente selezionato.

Cod. destinazione

Eventuale codice destinazione del soggetto committente selezionato.

Rag. sociale, Indirizzo, Città/località, Cap, Provincia, Cod. stato, Cod. fiscale, Partita IVA, Telefono, E-mail

I seguenti campi sono presi dall'anagrafica ditta selezionata o dal conto o conto/destinazione scelto. Nel caso di scelta committente (Atro manuale) occorre indicare i singoli campi a mano.

Caricatore

Permette di selezionare fra la ditta, il cliente, le destinazioni del cliente, il vettore 1 e il vettore 2 o selezionando (Atro manuale) indicando i singoli campi.

Cod. soggetto car.

Eventuale codice conto del soggetto caricatore selezionato.

Cod. destinazione

Eventuale codice destinazione del soggetto caricatore selezionato.

Rag. sociale, Indirizzo, Città/località, Cap, Provincia, Cod. stato, Cod. fiscale, Partita IVA, Telefono, E-mail

I seguenti campi sono presi dall'anagrafica ditta selezionata o dal conto o conto/destinazione scelto. Nel caso di scelta caricatore (Atro manuale) occorre indicare i singoli campi a mano.

Proprietario

Permette di selezionare fra la ditta, il cliente, le destinazioni del cliente e il conto fatturazione (se presente) o selezionando (Atro manuale) indicando i singoli campi. Selezionando (Non definito) e possibile specificare solo eventuali dichiarazioni.

Cod. soggetto pro.

Eventuale codice conto del soggetto proprietario selezionato.

Cod. destinazione

Eventuale codice destinazione del soggetto proprietario selezionato.

Rag. sociale, Indirizzo, Città/località, Cap, Provincia, Cod. stato, Cod. fiscale, Partita IVA, Telefono, E-mail

I seguenti campi sono presi dall'anagrafica ditta selezionata o dal conto o conto/destinazione scelto. Nel caso di scelta proprietario (Atro manuale) occorre indicare i singoli campi a mano. Selezionando (Non definito) e possibile specificare solo eventuali dichiarazioni.

Eventuali dich.

Se necessario specificare eventuali dichiarazioni.

Tipologia merce

Indicare in questo campo descrittivo la tipologia merce.

Quantità

Per default riporta il Totale Quantità indicato nel piede del documento/ordine. Impostando l'opzione di registro BsvebollOpzioniScheTraspUsaTotColli (oppure BsorgsorOpzioniScheTraspUsaTotColli) con valore -1, in questo campo viene proposto il Totale Colli.

Peso lordo

Riporta il peso totale in base al valore delle quantità articolo per il peso indicato nell'anagrafica dell'articolo stesso.

Luogo carico

Permette di selezionare fra la ditta, le destinazioni della ditta, il cliente e le destinazioni del cliente o selezionando (Atro manuale) indicando i singoli campi.

Cod. carico

Eventuale codice conto del luogo di carico selezionato.

Cod. destinazione

Eventuale codice destinazione del luogo di carico selezionato.

Rag. sociale, Indirizzo, Città/località, Cap, Provincia, Cod. stato

I seguenti campi sono presi dall'anagrafica ditta selezionata o dal conto o conto/destinazione scelto. Nel caso di scelta del luogo di carico (Atro manuale) occorre indicare i singoli campi a mano.

Luogo scarico

Permette di selezionare fra la ditta, le destinazioni della ditta, il cliente e le destinazioni del cliente o selezionando (Atro manuale) indicando i singoli campi.

Cod. scarico

Eventuale codice conto del luogo di scarico selezionato.

Cod. destinazione

Eventuale codice destinazione del luogo di scarico selezionato.

Rag. sociale, Indirizzo, Città/località, Cap, Provincia, Cod. stato

I seguenti campi sono presi dall'anagrafica ditta selezionata o dal conto o conto/destinazione scelto. Nel caso di scelta del luogo di scarico (Atro manuale) occorre indicare i singoli campi a mano.

Eventuali istr.

Inserire eventuali istruzioni da riportare nella scheda trasporto.

Data comp.

Viene riportata la data di inizio trasporto indicata nel piede del documento.

Città comp.

Inserire la città di compilazione (il dato proposto è preso dall'organizzazione ditta in base all'operatore).

Nome/cogn. comp.

Inserire il nome e cognome del soggetto compilatore (il dato proposto è preso dall'organizzazione ditta in base all'operatore).

Stampa documenti di Magazzino

Questo programma permette di visualizzare e stampare i dati di tutti i tipi documento di magazzino creati, la ricerca potrà essere effettuata su tutti i documenti creati ad oggi (se non indicato nessun filtro in maschera), oppure resa più specifica impostando le informazioni per le quali i documenti da visualizzare dovranno essere filtrati, di seguito alcuni esempi:

Immagine

Seleziona documenti —> Se spuntato questo campo verranno visualizzati/stampati solo i dati relativi al tipo documento selezionato (comando zoom sul campo per visualizzare le possibili scelte)

Utilizza reports standard —> Spuntare se invece di produrre un tabulato di controllo dei documenti selezionati, si vuole invece produrre una stampa utilizzando lo stesso report della "Gestione documenti di magazzino", utile per esempio per chi preferisce inserire i DDT o le fatture immediate della giornata senza stamparli e produrre la stampa di questi solo alla fine del lavoro (satmpa differita di DDT e fatture immediate).

Fatture contabilizzate, non contabilizzate, entrambe —> Se si esegue una elaborazione riguardante le fatture, permette di effettuare una selezione in base al fatto che siano state o meno contabilizzate.

Dopo aver impostato i filtri di ricerca sarà possibile, tramite gli appositi comandi sulla toolbar, visualizzare/stampare i dati in due modalità: stampa su griglia Immagine e stampa a video Immagine

Stampa su Griglia —> Da questa schermata è possibile visualizzare i dati su griglia di ciascun documento, se la ricerca è stata effettuata su una selezione di più documenti, è possibile scorrerli tramite i tasti frecce Immagine, Inoltre è possibile stampare su carta i dati visualizzati in griglia, tramite il comando di stampa anteprima dalle opzioni di griglia, CTRL+click sulla griglia oppure dal comando stampa a video posto a lato della griglia (le opzioni di griglia valgono per tutte le griglie di Friendly, vedi argomento "Le griglie di Friendly")

Immagine

Stampa a video

Immagine

Contabilizzazione documenti di magazzino

Questo programma contabilizza, cioè registra in prima nota, le fatture emesse immediate e differite, le note di accredito emesse, gli incassi dichiarati all'atto di emissione delle stesse e gli incassi dichiarati all'atto dell'emissione delle bolle, le fatture ricevute immediate e differite e, in generale, tutti i documenti registrati con i programmi "Gestione Documenti di Magazzino", "Fatturazione Differita e Fatturazione differita interattiva", comprese anche ricevute fiscali e riemissioni di ricevute fiscali. Il programma procede contestualmente all'aggiornamento automatico dello scadenziario relativo ai conti movimentati, sia clienti che fornitori ed inoltre è gestita anche la contabilizzazione di documenti extracee e documenti ricevuti in reverse charge (vedi " Gestire la contabilizzazione di documenti extracee e Gestire la contabilizzazione di documenti ricevuti in reverse charge").

Immagine

 

Per la contabilizzazione automatica di tali documenti sono utilizzate le causali e le contropartite dichiarate nelle tabelle personalizzazione vendite, personalizzazione acquisti e nella tabella contropartite vendite/acquisti. Per ogni operazione (fattura emessa o ricevuta, incasso, ecc...) viene effettuata una singola registrazione in prima nota, con data registrazione pari a quella impostata o, a scelta, pari alla data del documento. In caso di presenza di omaggi, viene generata una registrazione distinta aggiuntiva di storno dell'importo abbonato al cliente.

 Selezionare i tipi documento da elaborare (relativamente alle voci Contab. solo gli incassi anticipatiGenera reg. di compensazione incassi anticipati su DDT emessi e Genera reg. di compens. con fatture em., vedi Gestione anticipi incassi pagamenti su scadenziario).

Data registrazione —> Indicare una data precisa se il programma deve contabilizzare tutti i documenti prescelti con quell'unica data di registrazione, altrimenti lasciare vuoto il campo se i documenti selezionati vanno contabilizzati singolarmente con la loro data documento.

Anno Documento —> Indicare l'anno, come numerazione, a cui appartengono i documenti da contabilizzare. Per comodità, normalmente si fa coincidere con l'esercizio di competenza, ma in alcune circostanze, ad esempio in caso di esercizi contabili diversi dall'anno solare, la denominazione dell'esercizio e l'anno solare, riferimento imposto dalla disciplina normativa IVA, non coincidono più. Ad esempio, si può avere il caso di un esercizio denominato "2010", corrispondente al periodo 01/07/2009 - 30/06/2010, quindi non coincidente con l'anno solare, e fatture emesse in luglio 2009: in tal caso avremo esercizio contabile "2010" e anno documenti (anno Iva, che coincide sempre con l'anno solare) 2009.

Data docum. Da / A —> Indicare la data iniziale e finale del periodo a cui appartengono i documenti da contabilizzare. Per esempio, per contabilizzare le fatture differite emesse nel mese di novembre 2010, la data iniziale sarà 01/11/2010, mentre la data finale sarà 30/11/2010.

Contabilizza anche documenti già contabilizzati in precedenza —> Non spuntare se si vuole la contabilizzazione dei soli documenti non ancora contabilizzati, altrimenti spuntare se si vuole anche la ricontabilizzazione dei documenti già contabilizzati in precedenza. Il programma cancella le eventuali registrazioni contabili già generate in precedenza e genera nuove registrazioni con nuovi numeri di registrazione. In questo caso, anche se improbabile, potrebbero verificarsi doppie registrazioni dello stesso documento, se l'utente ha modificato/variato/cancellato/spostato invece di, eventualmente, cancellare manualmente le registrazioni contabili originariamente generate con questo programma. Si consiglia quindi in tale evenienza di effettuare successivamente gli opportuni controlli con il programma di stampa/visualizzazione prima nota e/o stampa registri IVA.

In ogni caso non è consentita la ricontabilizzazione di un documento, se nel frattempo la eventuale scadenza sul cliente o fornitore è stata chiusa, anche solo in parte, con la registrazione contabile di un incasso, pagamento o con la generazione effetti. Il programma in questi frangenti lo segnala e non procede.

Contabilizza anche incassi e pagamenti associati —> Spuntare per contabilizzare anche gli eventuali incassi e pagamenti dichiarati all'atto dell'inserimento delle bolle/fatture accompagnatorie.

 

 

Stampa Vis. Schede Articoli

Questo programma permette di visualizzare o stampare le schede di movimentazione dei vari articoli di magazzino per conto o per articolo,  questa stampa corrisponde a quelle che sono le scritture ausiliarie di magazzino previste dalla legislazione fiscale per determinate categorie di imprese, la stampa per articolo infatti permette di verificare l'andamento cronologico delle scorte di ciascun articolo (per quel determinato magazzino) con l'evidenziazione di tutti i movimenti di carico e scarico che concorrono al determinarsi di quelle scorte nel tempo, mentre la stampa per conto permette di vedere per ogni soggetto (cliente o fornitore) tutti i carichi (e quindi nel caso dei fornitori, i vari acquisti) e gli scarichi (e quindi nel caso di clienti, le varie vendite) intervenuti su ogni singolo articolo.

Immagine

Considera lo storico —> Se non viene spuntato, la visualizzazione/stampa dei movimenti considera solo i movimenti successivi a quella che risulta essere in anagrafica azienda la Data Ultimo aggiornamento Progressivi di Magazzino (cioè la data con cui è stata eseguita l'ultima volta l'elaborazione del programma 'Aggiornamento Progressivi Magazzino"'), riportando inizialmente l'esistenza risultante in tale data. Se viene spuntato, è possibile visualizzare/stampare anche i movimenti precedenti a tale data (anche i movimenti che si considerano in storico) purché naturalmente non siano stati nel frattempo eliminati con il programma 'Cancellazione Movimenti di magazzino'. Inoltre mentre se non viene spuntato nella interrogazione/stampa è possibile selezionare solo la data finale (è una stampa 'fino a data'), se viene spuntato è possibile selezionare anche la data di partenza (sia essa anteriore, uguale o posteriore alla data Ultimo aggiornamento Progress. Articoli); è cioè una stampa/visualizzazione 'Da data a data'.

Calcola saldi iniziali —> Tramite tale spunta (abilitata solo in solo se viene spuntato il flag Considera lo storico) il programma calcola i saldi iniziali degli articoli esaminando i movimenti precedenti alla data impostata nel campo Alla data, spuntanto tale flag il procedimento di stampa risulta più lento, nel caso in cui tale dato non serva è possibile deselezionarlo per aumentare la stampa a livello prestazionale.

Dalla Data —> Richiesto solo in caso di casella considera Storico spuntata. Indicare la data iniziale del periodo di cui si vogliono vedere o stampare i movimenti di magazzino, nel caso di considera storico non spuntata, viene proposto automaticamente il giorno di calendario immediatamente successivo alla data ultimo aggiornamento progressivi articoli.

Salto pagina per ogni articolo —> Viene richiesto solo in caso di stampa, spuntando questa casella, il programma provvede ad intestare una nuova pagina ad ogni nuovo articolo; non spuntando questa casella la stampa prosegue sulla stessa pagina fino ad esaurimento del numero di righe disponibili.

Preleva movimenti —> Qualora si vogliano considerare nella vis./stampa qualsiasi tipo di documento di magazzino (escluse le note di prelievo) lasciare 'Da tutti i documenti di magazzino'; per considerare solo un certo tipo di documenti , indicare l'opzione Solo da e dalla lista il tipo da selezionare. Per visualizzare/stampare le sole note di prelievo (che portano ad avere schede di movimenti di prenotazione per articolo/magazzini o per conto/articolo/magazzino), indicare Solo da Note di prelievo.

Dopo aver impostato i filtri di ricerca sarà possibile, tramite gli appositi comandi sulla toolbar, visualizzare/stampare i dati in due modalità: stampa su griglia Immagine  e stampa a video Immagine

Stampa su Griglia —> Da questa schermata è possibile visualizzare i dati su griglia di ciascun articolo, se la ricerca è stata effettuata su una selezione di più di essi, è possibile scorrerli tramite i tasti frecce Immagine e stamparli su carta tramite il comando di stampa anteprima, dalle opzioni di griglia, CTRL+click sulla griglia, oppure dal comando stampa a video posto a lato della griglia (le opzioni di griglia valgono per tutte le griglie di Friendly, vedi argomento "Le griglie di Friendly")

Immagine

Inoltre dalla stampa su griglia, tramite gli appositi comandi sulla toolbar, è possibile:

  • entrare nel documento che ha generato il movimento con possibilità di modifica Immagine
  • entrare nel programma di navigazione flusso documentale partendo dal documento selezionato in griglia Immagine
  • attivare la modifica dei dati in griglia (è possibile modificare alcuni dati del documento direttamente dalla griglia) Immagine

 

Stampa Vis. Schede Clienti/Forn.

Questo programma permette di visualizzare o stampare per ogni cliente/fornitore, tutti gli articoli da lui movimentati in un certo periodo con la possibilità di filtrare i dati in base ad alcuni parametri,  è utilizzo in ambito commerciale, per cui dall'elaborazione rimangono esclusi tutti i documenti con causale di magazzino che non movimentano le vendite o gli acquisti.

Immagine

Se non selezionato nessun filtro verranno elaborati i dati di tutti i clienti o fornitori, per renderela più specifica si possono utilizzare i filtri in maschera, esempio:

Tipo documento —> Se selezionata questa voce è possibile filtrare i movimenti di magazzino solo per un tipo documento specifico

Seleziona articoli —> Tramite questo comando è possibile richiamare una maschera per filtare ulteriormente una selezione di articoli

Dopo aver impostato i filtri di ricerca sarà possibile, tramite gli appositi comandi sulla toolbar, visualizzare/stampare i dati in due modalità: stampa su griglia help_netprngrid  e stampa a video help_netprnscren

Stampa su Griglia —> Da questa schermata è possibile visualizzare i dati su griglia di ciascun cliente/fornitore, se la ricerca è stata effettuata su una selezione di più di essi, è possibile scorrerli tramite i tasti frecce Immagine , da qui possono essere stampa anche su carta tramite il comando di stampa anteprima, dalle opzioni di griglia, CTRL+click sulla griglia, oppure dal comando stampa a video posto a lato della griglia (le opzioni di griglia valgono per tutte le griglie di Friendly, vedi argomento "Le griglie di Friendly")

Immagine

 

 

Fatturazione differita

Questo programma permette di elaborare e stampare una o più fatture differite emesse, fatture/ricevute fiscali differite emesse e note accredito differite emesse, a partire dalle bolle/DDT di vendita inserite in precedenza con il programma "Gestione documenti di magazzino".

E' possibile selezionare le bolle da fatturare in base alla data (da data a data bolla) e al codice dei clienti (da codice a codice cliente), nonché in base al tipo bolla/fattura.
Il programma provvederà ad emettere una fattura riepilogativa delle varie bolle intestate al singolo cliente, purché esse abbiano stesso tipo bolla/fattura, stesso codice di pagamento, stessi sconti globali, stesso codice agente, stesso sconto pagamento, stessa valuta e cambio, stessa data inizio pagamento (solo se pagamenti con decorrenza data diversa), stesso indicatore di addebito spese bolli e/o spese incasso, stesso flag scorporo, stesso cod. esenzione di testata documento, stesso codice nostra banca, in caso contrario verranno emesse per lo stesso cliente due o più fatture riepilogando le bolle con le stesse caratteristiche sopra menzionate. 
Qualora in anagrafica cliente il tipo fatturazione sia per bolla, verrà emessa una fattura per ogni bolla, indipendentemente dal fatto che vi siano bolle con le stesse caratteristiche, inoltre eventuali spese incasso e spese bolli vengono ricalcolate sul totale documento risultante dalla somma delle singole bolle. Pertanto le spese incasso e bolli calcolate sui DDT origine vengono ignorate.
Per quanto concerne le Fatture/ricevute fiscali differite emesse, ad oggi è possibile generare documenti riepilogativi solo relativi a ricevute fiscali emesse a clienti diversi dal 'Cliente privato' indicato in 'Personalizzazione vendite', qualora occorra eseguire una fattura/ric.fisc. differita su una ricevuta già emessa con clienti uguale a cliente privato, occorrerà intervenire all'interno della ricevuta fiscale per variare il codice dell'intestatario del documento.

Il programma prevede 2 tipi di elaborazione ed una serie di operazioni sulle fatture generate:

Nuove Fatture

Immagine

Consente di generare nuove fatture dopo aver selezionate in una apposita finestra di dialogo le bolle da considerare (da numero a numero, in base al tipo, in base al cliente, ecc.). Una volta generate gli estremi delle fatture generate appaiono nella griglia, già selezionate; per stamparle è sufficiente premere il pulsante stampa o stampa a video 

Immagine

 

  • Anno fattura Indicare l'anno con cui verrà registrata in magazzino la fattura differita (viene proposto l'esercizio corrente di competenza).
  • Data fatturazione Indicare la data che deve essere riportata come data fattura sulle fatture che verranno emesse; in caso di rielaborazione o ristampa, indicare la data con la quale le fatture erano state emesse all'atto dell'elaborazione definitiva.
  • Serie (prima) fattura Indicare la serie che corrisponde alla numerazione delle fatture differite che si vuole utilizzare in quella fase. Le serie disponibili sono quelle che sono state previste nella tabella delle numerazioni fatture differite. In caso di rielaborazione indicare la serie della fattura da rielaborare.
  • Numero (prima) fattura Indicare il numero della prima fattura da emettere (viene proposta, in caso di prova o definitiva, il numero successivo all'ultima fattura differita emessa in definitivo). In caso di rielaborazione indicare il numero della fattura da rielaborare.
  • Note fattureCampo libero utilizzabile per riportare una nota particolare per tutte le fatture elencate al momento della stampa. Per es. per le aziende di RSM è possibile indicare in questa casella 'Elenco Fatture n. 55', come è richiesto dall'Ufficio Tributario.
  • Controlla righe con prezzi a zero Permette di effettuare dei controlli sulle righe dei documenti da riepilogare.
  • Visualizza estremi DDT prima dell'elaborazione Prima dell'elaborazione viene visualizzata una griglia con la possibilità, su tale griglia, di rimuovere uno o più DDT.
  • Su doc. con pagam. di tipo 'data diversa art 62/2012' forza data Permette di forzare la data ad una specifica per cod. pagamento di tipo data diversa.
  • Filtri documenti da riepilogareFatturaz. di prova Imposta l'elaborazione come prova è fornisce una stampa a video delle fatture che verranno generate.
  • Conf. come da prova Permette di reimpostare la maschera con i filtri utilizzati nell'ultima elaborazione di prova.

Apri Fatture

Immagine

Consente di selezionare e riprendere una o più fatture differite precedentemente generate, e di ristamparle, cancellarle o rielaborarle. 

In apertura fatture è presente un filtro per prelevare tutti i documenti eccetti quelli dei clienti definiti all'interno di una determinata lista selezionata, in questo modo è possibile eseguire la fatturazione differita in modo massivo, poi riaprire le fatture filtrando per lista selezionata per inviare in automatico, quindi riaprire nuovamente le fatture escludendo per la stessa lista selezionata utilizzata prima ad eseguire la stampa delle fatture da inviare per posta.

Immagine

Dopo aver confermato i filtri nelle maschere, sia che ci si trovi in modalità "nuovo" che in modalità "Apri", appare una griglia con l'elenco dei documenti creati, nella quale è possibile effettuare ulteriori operazioni utilizzando gli appositi comandi sulla barra degli strumenti:

Immagine

  • Cancellazione (F4)  —> elimina le fatture selezionate (spuntate) in elenco, liberando le bolle da cui derivano che tornano ad essere perciò non fatturate.
  • Rielaborazione (F7) —> consente invece di ricalcolare ( e poi di ristampare, normalmente) una o più fatture differite precedentemente generate, dopo aver modificato uno o più elementi di una delle bolle da cui la fattura è stata originata (per es. una variazione di prezzo o di una condizione di pagamento, operata dopo aver emesso/generato la fattura).
  • Bolle collegate —> consente di richiamare l'elenco delle bolle associate alla fattura corrente in griglia, e da questa finestra con il pulsante Modifica è possibile accedere al documento originario entrando automaticamente in funzione Apri di Gestione Documenti; sempre dalla stessa finestra è possibile, col pulsante Scollega, scollegare una bolla da quella fattura (questa ultima funzione è da utilizzarsi solamente dal programma Fatturazione differita Interattiva).
    NB: da fatturazione differita una volta modificato il contenuto della bolla/DDT è necessrio obbligatoriamente richiedere la Rielaborazione della fattura , per evitare che la fattura abbia dati non coerenti a quelli presenti sulla bolla/DDT modificata

A questo punto è possibile selezionare le fatture da stampare o da inviare per e-mail tramite i tasti "stampa a video" Immagine e "stampa pdf Immagine (vedi argomento "Gestione/Invio pdf)

 

 

Fattur. differita Interattiva e controllo fatt. fornitori

Questo programma permette di elaborare e stampare una o più fatture differite emesse, fatture/ricevute fiscali differite emesse e note accredito differite emesse, a partire dalle bolle/DDT di vendita inserite in precedenza con il programma "Gestione documenti di magazzino".

E' possibile selezionare le bolle da fatturare in base alla data (da data a data bolla) e al codice dei clienti (da codice a codice cliente), nonché in base al tipo bolla/fattura.
Il programma provvederà ad emettere una fattura riepilogativa delle varie bolle intestate al singolo cliente, purché esse abbiano stesso tipo bolla/fattura, stesso codice di pagamento, stessi sconti globali, stesso codice agente, stesso sconto pagamento, stessa valuta e cambio, stessa data inizio pagamento (solo se pagamenti con decorrenza data diversa), stesso indicatore di addebito spese bolli e/o spese incasso, stesso flag scorporo, stesso cod. esenzione di testata documento, stesso codice nostra banca, in caso contrario verranno emesse per lo stesso cliente due o più fatture riepilogando le bolle con le stesse caratteristiche sopra menzionate. 
Qualora in anagrafica cliente il tipo fatturazione sia per bolla, verrà emessa una fattura per ogni bolla, indipendentemente dal fatto che vi siano bolle con le stesse caratteristiche, inoltre eventuali spese incasso e spese bolli vengono ricalcolate sul totale documento risultante dalla somma delle singole bolle. Pertanto le spese incasso e bolli calcolate sui DDT origine vengono ignorate.
Per quanto concerne le Fatture/ricevute fiscali differite emesse, ad oggi è possibile generare documenti riepilogativi solo relativi a ricevute fiscali emesse a clienti diversi dal 'Cliente privato' indicato in 'Personalizzazione vendite', qualora occorra eseguire una fattura/ric.fisc. differita su una ricevuta già emessa con clienti uguale a cliente privato, occorrerà intervenire all'interno della ricevuta fiscale per variare il codice dell'intestatario del documento.

Il programma prevede 2 tipi di elaborazione ed una serie di operazioni sulle fatture generate:

Nuove Fatture

Immagine

Consente di generare nuove fatture dopo aver selezionate in una apposita finestra di dialogo le bolle da considerare (da numero a numero, in base al tipo, in base al cliente, ecc.). Una volta generate gli estremi delle fatture generate appaiono nella griglia, già selezionate; per stamparle è sufficiente premere il pulsante stampa o stampa a video 

Immagine

 

  • Anno fattura Indicare l'anno con cui verrà registrata in magazzino la fattura differita (viene proposto l'esercizio corrente di competenza).
  • Data fatturazione Indicare la data che deve essere riportata come data fattura sulle fatture che verranno emesse; in caso di rielaborazione o ristampa, indicare la data con la quale le fatture erano state emesse all'atto dell'elaborazione definitiva.
  • Serie (prima) fattura Indicare la serie che corrisponde alla numerazione delle fatture differite che si vuole utilizzare in quella fase. Le serie disponibili sono quelle che sono state previste nella tabella delle numerazioni fatture differite. In caso di rielaborazione indicare la serie della fattura da rielaborare.
  • Numero (prima) fattura Indicare il numero della prima fattura da emettere (viene proposta, in caso di prova o definitiva, il numero successivo all'ultima fattura differita emessa in definitivo). In caso di rielaborazione indicare il numero della fattura da rielaborare.
  • Note fattureCampo libero utilizzabile per riportare una nota particolare per tutte le fatture elencate al momento della stampa. Per es. per le aziende di RSM è possibile indicare in questa casella 'Elenco Fatture n. 55', come è richiesto dall'Ufficio Tributario.
  • Controlla righe con prezzi a zero Permette di effettuare dei controlli sulle righe dei documenti da riepilogare.
  • Visualizza estremi DDT prima dell'elaborazione Prima dell'elaborazione viene visualizzata una griglia con la possibilità, su tale griglia, di rimuovere uno o più DDT.
  • Su doc. con pagam. di tipo 'data diversa art 62/2012' forza data Permette di forzare la data ad una specifica per cod. pagamento di tipo data diversa.
  • Filtri documenti da riepilogareFatturaz. di prova Imposta l'elaborazione come prova è fornisce una stampa a video delle fatture che verranno generate.
  • Conf. come da prova Permette di reimpostare la maschera con i filtri utilizzati nell'ultima elaborazione di prova.

Apri Fatture

Immagine

Consente di selezionare e riprendere una o più fatture differite precedentemente generate, e di ristamparle, cancellarle o rielaborarle. 

In apertura fatture è presente un filtro per prelevare tutti i documenti eccetti quelli dei clienti definiti all'interno di una determinata lista selezionata, in questo modo è possibile eseguire la fatturazione differita in modo massivo, poi riaprire le fatture filtrando per lista selezionata per inviare in automatico, quindi riaprire nuovamente le fatture escludendo per la stessa lista selezionata utilizzata prima ad eseguire la stampa delle fatture da inviare per posta.

Immagine

Dopo aver confermato i filtri nelle maschere, sia che ci si trovi in modalità "nuovo" che in modalità "Apri", appare una griglia con l'elenco dei documenti creati, nella quale è possibile effettuare ulteriori operazioni utilizzando gli appositi comandi sulla barra degli strumenti:

Immagine

  • Cancellazione (F4)  —> elimina le fatture selezionate (spuntate) in elenco, liberando le bolle da cui derivano che tornano ad essere perciò non fatturate.
  • Rielaborazione (F7) —> consente invece di ricalcolare ( e poi di ristampare, normalmente) una o più fatture differite precedentemente generate, dopo aver modificato uno o più elementi di una delle bolle da cui la fattura è stata originata (per es. una variazione di prezzo o di una condizione di pagamento, operata dopo aver emesso/generato la fattura).
  • Bolle collegate —> consente di richiamare l'elenco delle bolle associate alla fattura corrente in griglia, e da questa finestra con il pulsante Modifica è possibile accedere al documento originario entrando automaticamente in funzione Apri di Gestione Documenti; sempre dalla stessa finestra è possibile, col pulsante Scollega, scollegare una bolla da quella fattura (questa ultima funzione è da utilizzarsi solamente dal programma Fatturazione differita Interattiva).
    NB: da fatturazione differita una volta modificato il contenuto della bolla/DDT è necessrio obbligatoriamente richiedere la Rielaborazione della fattura , per evitare che la fattura abbia dati non coerenti a quelli presenti sulla bolla/DDT modificata

A questo punto è possibile selezionare le fatture da stampare o da inviare per e-mail tramite i tasti "stampa a video" Immagine e "stampa pdf Immagine (vedi argomento "Gestione/Invio pdf)

 

 

Analisi flusso documentale

Questo programma è richiamabile oltre che da menù anche da numerosi altri programmi tramite l'apposito comando sulla barra degli strumenti Immagine e permette di rappresentare graficamente la sequenza dei documenti emessi/ricevuti tra loro collegati. La rappresentazione prende in analisi, per il ciclo attivo il percorso Impegno cliente - DDT emesso - Fattura differita emessa - Partita/registrazione contabile - Scadenze relative, per il ciclo passivo il percorso Ordine fornitore - DDT ricevuto - Fattura differita ricevuta - Partita/registrazione contabile - Scadenze relative.

Per utilizzarlo si parte da una selezione sulla base dei filtri impostati per individuare un documento,  esso poi viene rappresentato su di un grafico con i documenti a monte ed a valle dello stesso.
Dal grafico si può procedere tramite doppio click sull'immagine ad aprire il documento, con il click singolo sulla descrizione verranno visualizzate le informazioni aggiuntive sul nodo, tramite Alt+Click sull'immagine di un nodo verrà rieseguito il disegno del flusso partendo dal nodo su cui si è posizionati.

NB: questo programma non sostituisce programmi come 'Stampa schede articoli' o 'Stampa schede ordini', ma serve per poter vedere/analizzare in modo veloce le righe dei documenti (la stampa del flusso è limitata alla dimensione massima dello schermo).

Il programma è composto da 3 TAB:

  • Filtri —> In questa schermata è possibile impostare i filtri per la visualizzazione dei dati
  • Griglie —> In questa schermata vengono proposti in griglia tutti i documenti relativi alla selezione dei filtri effettuata.
  • Flusso  documentale —> In questa schermata viene proposto il grafico del flusso documentale (calcolato quando si entra in TAB 3 dopo essersi posizionati su una riga della griglia di TAB 2)

1 - Filtri

Immagine

Scenario —> Scegliere tramite questa tendina uno degli scenari precedentemente salvati. Per creare/salvare/ripristinare/cancellare uno scenario utilizzare i rispettivi pulsanti presenti in toolbar.

NB: con il salvataggio di uno scenario vengono salvati solo i check del tipo di analisi e le impostazioni dei filtri aggiuntivi, ma non i valori dei filtri (sia globali che aggiuntivi), per cui nel passaggio da uno scenario ad un altro i filtri generali vengono mantenuti, premendo il pulsante di nuovo scenario vengono lasciate le ultime opzioni impostate per poter duplicare facilmente uno scenario.

Analisi Su —> Impostare i vari tipi di documenti che l'analisi deve ritornare:

  • Offerte
  • Ordini
  • Movimenti di magazzino
  • Fatture
  • Prima nota
  • Scadenze

Filtri Globali —> In questi campi è possibile impostare i filtri che interverranno sulla ricerca, ogni filtro opera solo su alcune analisi (vedi tabella sotto per i dettaglio), se non impostati non operano. 

Carica la griglia movimenti solo con le righe del documento su cui si è posizionati nella griglia testata —> Selezionado la spunta di questo flag la griglia movimenti viene caricata solo con le righe del documento su cui si è posizionati nella griglia di testata, diversamente vengono caricate tutte le righe di tutti i documenti presenti nella griglia testata.

Carica la griglia movimenti solo con le righe degli articoli impostati nei filtri —> In base al valore del flag la griglia del corpo visualizza solo le righe degli articoli impostati nei filtri diversamente verranno visualizzate tutte le righe dei documenti presenti nella grigia delle testate o del documento corrente.

2 - Griglia

Immagine

In questa maschera sono presenti: la griglia per la visualizzazione dei documenti di prima nota e le scadenze, la griglia per la visualizzazione delle testate dei documenti (sia ordini, che movimenti di magazzino) e  quella per la visualizzazione delle righe del corpo dei documenti, da ogni griglia si potrà accedere al documento originario tramite la funzione 'Apri documento' che permette di aprire il documento collegato alla riga di griglia su cui si è posizionati.

3 - Flusso Documentale

Immagine

Dopo aver selezionato un documento in griglia (TAB 2), è possibile visualizzare in questa maschera il suo flusso documentale, con i documenti che ha evaso e quelli con cui è stato evaso a sua volta.
In maschera sono riportate le descrizioni di alcuni comandi per la gestione del grafico, quali:

  • Doppio click sull'immagine per aprire il documento, CTRL+Doppio click per aprire il documento non modale
  • Ctrl+click sull'immagine stampa il documento
  • Click singolo sulla descrizione per aprire/chiudere informazioni aggiuntive sul nodo
  • Alt+click sull'immagine di un nodo per rieseguire il disegno del flusso partendo dal nodo su cui si premuto
  • Alt+click sullo sfondo stampa il flusso a video

Strumenti

Immagine

All'interno del menu degli strumenti troviamo la voce Apri progr. in modalità 'non modale'  che permette di aprire i documenti in modalità 'non modale'. Nella rappresentazione grafica la funzionalità si ottiene con CTRL+Doppio click.

La voce Crea nuovo Ordine/Documento permette di creare nuovi ordini/documenti di magazzino/fatture differite con anno uguale all'anno di sistema ed intestatario uguale a quello della riga di griglia su cui si è posizionati. Questa funzionalità è disponibile solo dalle griglie di testata e corpo documenti.

Reparti articoli

In questa tabella, richiamabile anche dal campo "Reparto ECR" in Anagrafica articoli, è possibile preimpostare i reparti degli articoli, in modo tale che in fase di stampa scontrino gli articoli siano diversificati per codice Iva; il campo accetta anche valori non inseriti nella tabella e non è obbligatorio impostarla. I reparti devono essere impostati anche sul registratore di cassa.

bsmgrear



NTS Informatica SRL  
Strada Statale Rimini San Marino142 
47924 Rimini (RN) | Italy | T. +39 0541 906611
P.IVA 02019510409 | REA RN-234990 | Cap. Soc. € 61.973,00 I.V.

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione, NTS Informatica utilizza i cookies. Continuando sul sito, autorizzi l’utilizzo dei cookie.