Progressivi e utility

Numerazione fogli

Il programma permette di intestare e numerare i fogli da utilizzare per libro giornale, registri IVA ecc.

 

image001

Descrizione

Inserire la descrizione da far stampare come intestazione di pagina

Tipo Libro/Registro

Inserire la descrizione del tipo di libro/registro da intestare e numerare

Esercizio di competenza

Inserire l'anno da far stampare come competenza sulle pagine. Se si imposta l'anno uguale a 0, non viene stampato.

Selezione pagine

Inserire il numero di inizio e di fine da stampare sulle pagine

 

Estromissioni IVA F24

EstromissioniIVA

Questo programma permette principalmente di dichiarare spostamenti di crediti iva compensabili da Iva ad F24 , ed eventualmente , di ri-spostamenti di importi (derivanti sempre da crediti compensabili Iva) da F24 a Iva.

Questi dati vengono trattati dal programma 'Stampa Liquidazione Iva', ai fini della disponibilità di crediti da utilizzare nella liquidazione elaborata nel periodo richiesto.

Vedi anche, nella giuda o nel manuale , il capitolo Liquidazioni Iva.

Anno

Indicare a quale anno (iva) si riferisce il movimento

Tipo liquidazione

Indicare se il movimento di rifersisce ad un mese o ad un trimestre (cuiè deve essere considerata in una liquidazione mensile o trimestrale)

Mese/trimestre

Indicare il mese o trimestre, a seconda della scelta effettuata nel campo precedente.

Tipo estromissione

Indicare :

  • da Iva ad F24 , per dichiarare di voler utilizzare parte o tutto del credito compensabile per il pagamento di altre imposte (cioè portarne parte in F24);
  • da F24 in Iva , per , una volta portato parte o tutto del credito iva compensabile in F24, riportarlo in iva , in caso di necessità (fino al max residuo non utilizzato di esso credito compensabile...). Attenzione: se si possiede il modulo dell'F24 occorrerà intervenire manualmente anche in tale programma per diminuire la parte del credito compensabile ritornato in IVA.credito da recuperare per eccesso di versamento: per dichiarare l'uso di un maggior versamento iva fatto (per errore o volontariamnte) in un precedente liquidazione (ho versato in più, lo recupero in quella nuova liquidazione);
  • Debito da vers. Da liquidazione con versam. Insuff. : per dichiarare di aver eseguito un versamento inferiore al dovuto in precedente liquidazione;
  • Credito IVA maturato nell'anno da convertire in compensabile: per poter convertire il credito IVA maturato da gennaio in credito compensabile (quindi utilizzabile in F24 per diminuire altri debiti). Normalmente questa opzione viene utilizzata nei mesi 4, 7, o 10

Importo estromissione

Indicare l'importo spostato o da recuperare.

Generato in automatico

Viene spuntato se trattasi di estromissione generata automaticamente dal programma 'Stampa liquidazione iva' nella prima liquidazione dell'anno, applicando le regole di trattamento del credito compensabile indicato nei dati aggiuntivi iva per anno, dell'anagrafica ditta.

Note

Indicare , se ritenuto utile, eventuali note descrittive che possano essere utili per identificare il motivo della estromissione.

Reimposta progressivi per rielaborazioni

Questo programma ripristina le tabelle interessate dalle stampe in definitivo di Libro giornale, Registri IVA o Progressivi definitivi di magazzino all'ultima elaborazione eseguita in definitivo, oppure svuota le tabelle come se le elaborazioni non fossero mai state eseguite da inizio anno.

Il programma può ripristinare l'ultima elaborazione eseguita correttamente e dev’essere utilizzato solo se necessario.

I dati interessati dalla procedura sono:

- per il libro giornale, quelli contenuti in “Anagrafica ditta - Libro giornale”;

- per i registri IVA le sezioni interessate sono in “Anagrafica ditta - Dati generali ultimi registri IVA” e “Progressivi registri IVA”;

- per i progressivi di magazzino sono archivio storico LIFO, Progressivi definitivi articoli, Progressivi definitivi articoli/magazzino e Progressivi definitivi articoli/lotti/commesse/fasi/ubicazioni.

L'elaborazione non può essere interrotta e non è annullabile. In caso di errata esecuzione, occorre intervenire manualmente sui dati per il ripristino delle informazioni corrette.

Tipo registro da rielaborare Selezionare se deve essere rielaborato il libro giornale oppure uno o tutti i registri IVA o se ripristinare i progressivi definitivi di magazzino.

Libro giornale Scegliere se ripristinare i dati relativi all'esercizio corrente o precedente.

Si rammenta che Business mantiene i progressivi distinti tra esercizio corrente ed esercizio precedente solo in caso di stampa libro giornale con l'impostazione “Registrazioni contabili di chiusura post-fine esercizio e progressivi libro giornale distinti”, reperibile in Anagrafica ditta - Dati aggiuntivi contabilità.

Registri IVA Selezionare il registro IVA da rielaborare. É possibile rielaborare in un’unica sessione tutti i tipi di registri IVA appartenenti allo stesso anno IVA e con lo stesso numero di registro.

Progressivi di magazzino Selezionare se devono essere ripristinati i progressivi definitivi validi prima dell'ultima operazione di “Aggiornamento progressivi magazzino”. Dopo il ripristino, l’eventuale chiusura di magazzino eseguita in seguito all'operazione di aggiornamento dei progressivi definitivi verrà persa e perciò dovrà essere ripetuta.

Questa operazione non va eseguita se dopo l'aggiornamento dei progressivi definitivi si è operata una cancellazione di documenti di magazzino fino alla data di ultimo aggiornamento.

Tipo di rielaborazione Per il registro da rielaborare selezionato, specifica se si desidera reimpostare i progressivi all'ultima elaborazione definitiva, o se azzerare i progressivi come se dall'inizio dell'anno non fossero state eseguite elaborazioni definitive.

Per i progressivi di magazzino, in caso di elaborazione di azzeramento totale la tabella archivi storico LIFO e tabelle di progressivi definitivi saranno svuotate totalmente.

Si consiglia di non utilizzare questa procedura se in fase di avvio di Business, sia stata eseguita un’importazione di dati attinenti il magazzino dati da altro gestionale.

Strumenti - Cancella storico Le funzioni di Cancella storico per il libro giornale, i registri IVA e i progressivi di magazzino, azzerano le tabelle temporanee nascoste in cui sono memorizzati i dati/progressivi delle stampe libro giornale/registri Iva e aggiornamento progressivi di magazzino. Da queste tabelle sono estrapolati i dati per la reimpostazione progressivi per rielaborazioni.

Progressivi Registri IVA

Questo programma permette di inserire, modificare o annullare i progressivi, relativi a imponibile e imposta, ordinati per codice IVA e registro IVA. Si fa riferimento ai progressivi riguardanti l'ultima stampa definitiva di ogni registro IVA.

Per una corretta procedura operativa, si possono consultare i paragrafi della Guida relativi a stampe fiscali e registri IVA.

Tipo registro Indicare il tipo di registro IVA su cui inserire, modificare o annullare i progressivi.

Numero Registro Indicare il numero (1-9) del registro IVA, del tipo indicato, di cui si vogliono modificare i progressivi dell'ultima stampa definitiva.

Codice Iva Inserire il codice Iva relativo ai progressivi su cui operare le modifiche. Premere F5 per aprire lo ZOOM sulla tabella dei codici IVA.

Imponibile Rappresenta l'imponibile cumulato per quel codice IVA sul registro indicato.

Imposta Solo per i codici IVA relativi a operazioni imponibili, è il totale dell'imposta cumulata per il codice IVA e il registro IVA indicati.

Liquidazioni Periodiche IVA

LiquidPeriodiche

Questo programma permette di visualizzare/modificare i dati relativi alle liquidazioni periodiche IVA eseguite in via provvisoria (liquidazioni in prova) o definitiva.

In questo archivio sono memorizzati due tipi di informazioni :

  • liquidazioni singole attività (quelle con cod. attività <> 0);
  • liquidazioni per ditta/peridicità (mesili/trimestrali/annuali) (quelle con codice attività = zero)

Le prime non dovrebbero mai essere manipolate, sono il risultato della elaborazione , attività per attività, della liquidazione iva .

Le seconde invece (liquidazioni 'riepilogative') possono / debbono essere :

  • integrate con i dati dei versamenti, o con altri dati in casi particolari (es. la registrazione di rimborsi infraannuali, oppure crediti speciali di imposta);
  • inserite manualmente ad inzio gestione , per dichiarare la presenza di crediti compensabili dall'anno precedente (o crediti periodo precedente, nel caso di partenza infraannuale con la procedura); in questo caso occorre inserire un record nell'archivio ed indicare per l'anno/periodo precedente nel campo 'Iva a credito' l'importo da considerare nelle liquidazioni successive.

Sulle riepilogative è possibile intervenire anche sugli altri campi, in modifica, con il pulsante 'Sblocca dati liquidazione' ; questa operazione non è tuttavia consigliabile, se non per utenti molto consapevoli del significato di tali dati e dell'effetto di tali modifiche. NB: i campi in oggetto sui record con tipo di stampa 'Prova' vengono ogni volta sovrascritti dal programma 'Stampa liqudiazione iva', mentre vengono mantenuti quelli con 'Tipo stampa' di tipo 'Definitivo'.

L'uso in modifica di alcuni campi (es. crediti imposta speciali, rimborsi annuali ed infraannuali, dati dei versamenti, ecc.) ha questo tipo di gestione, normalmente:

  • lancio elaborazione liquidazione iva del periodo;
  • entro in modifica dei dati della liquidazione per aggiungere (in modifica) i dati mancanti;
  • rilancio la stampa della liquidazione iva, che terrà in conto/stamperà anche i dati aggiunti/modificati.

Apri /nuova liquidazione:

Anno

Indicre l'anno a cui si riferisce la liquidazione da inserire/modificare

Cod. attività

Indicare 0 per i dati della liquidazione ditta/periodo ('Riepilogativo'), indicare 1 per modificare i dati relativi ad una ditta/attività.

Tipo liquidazione

Indicare se liquidazione relativo a mese o trimestre (cioè, meglio, ad attività mensile o trimestrale) ; necessario innanzitutto per le liquidazioni riepilogative (con cod. Attività = 0)

Mese/trimestre

Indicare il mese o il trimestre a cui la liquidazione si riferisce ; se trattasi di liquidazione iva annuale o liquidazione dell'acconto di dicembre selezionare l'apposita riga nell'elenco a discesa.

Area dati:

Cartella Liquidazione:

Periodo e tipo liquidazione

Vengono visualizzati in questi campi il mese/trimestre a cui si riferisce la liquidazione, e se trattasi di liquidazione mensile/trimestrale/annuale.

Da rielaborare

Non modificabile. Questo campo (che ha significato solo per le liqudiazioni in prova) è spuntato se, trattasi di liquidiazione in prova che è da ricalcolare nella prossima elaborazione della liquidazione iva di periodo in quanto dall'ultima elaborazione di quel periodo possono essere state effettuate modifiche o inserimenti di registrazioni di prima nota che possono modificare il risultato della liquidazione di quel periodo (es. : modifica al castelletto iva di una fattura di acquisto già registrata in precedenza , relativa ad un periodo iva in cui la stampa della liquidazione iva in prova è già stata effettuata).

Tipo di stampa

Indicare prova o definitivo. Viene aperto (come altri campi) solo con sblocca dati liquidazione.

IVA dovuta su vendite

Viene visualizzato l'importo dell'IVA relativa alle vendite, esclusa eventuale iva ad esig. Differita maturata nel periodo, al netto dell'iva (cioè esclusa dell'iva) delle fatture ad esigibilità diff. Emesse nel periodo.

Iva su Incassi su fatt. ad esig. differita.

Indica l'ammontare dell'Iva su fatture con Iva ad esigibilità differita riscosse nel periodo (tipicamente le fatture emesse ad enti pubblici e in seguito riscosse)

IVA deducibile su acquisti

Viene visualizzato l'importo dell'IVA deducibile (normale, esclusa l'iva su acquisti registrata con codice iva indeducibile).

Iva inded.per operazioni esenti

Viene visualizzato l'ammontare dell'IVA non deducibile secondo la percentuale determinata/indicata in base al meccanismo del pro-rata. NB: la quota indeducibile è arrotondata sempre per eccesso.

Iva su Pagamenti fatture con Iva ad esig. Diff.

Trattasi dell'Iva pagata su fatture ricevute a deducibilità differita. Si trattava tipicamente di fatture ricevute da enti pubblici ed assimilati la cui deducibilità eè ammessa solo al momento del pagamento.

Debito non versato in liquidazione precedente

Indica (eventualmente) un importo che rappresenta la volontà di pagare in quella liquidazione un debito sorto in liquidazione precedente e non pagato. è dato dal riporto di importi dichiarati nella tabella delle estromissioni, per quel periodo. NB: normalmente non è questa la gestione classica di queste casistiche; nella maggior parte dei casi, nella prassi, si esegue un pagamento a parte (ravvedimento operoso) in F24 , e non si registra niente in questo campo.

Credito per versamento in eccesso in liquidazione precedente

Nel caso di versamento iva in eccedenza in periodo precedente, rispetto alla liquidazione del periodo medesimo, in questo campo viene riportato un importo che va a defalcare l'eventuale debito e pertanto versare un importo inferiore in questa liquidazione. è dato dal riporto di importi dichiarati nella tabella delle estromissioni, per quel periodo.

Credito/debito precedente

Viene visualizzato l'importo del credito/debito relativo alla liquidazione precedente, che viene ripreso in questa liquidazione.

Credito compensabile utilizzato

Viene visualizzato l'importo del Credito compensabile utilizzato (la quota paret) per diminuire il debito IVA.

Tale importo viene determinato automaticamente , al bisogno e se ne esistono i presupposti (cioè presenza di un credito compensabile residuo, non 'spostato' in F24), in fase di liquidazione iva.

Credito imposte speciali

è possibile inserire in questo campo un importo a credito per norme speciali (crediti speciali di imposta, ad esempio quello riservato ad esercenti sale cinematigrafiche), da utilizzarsi in quella liquidazione. Questo importo concorre nel determinare il risultato della liquidazione.

Acconto di dicembre versato

Viene riportato, soltanto nel caso dell'ultima liquidazione di periodo (4° trimestre o dicembre, per i mensili) l'importo calcolato nella liquidazione di acconto di dicembre, in detrazione dell'eventuale debito maturante nel periodo.

Tipo saldo

Identifica se la liquidazione in oggetto da origine alla fine a :

  • un debito, 'versato';
  • un debito da riportare (perché inferiore al minimo importo da versare, per legge) 'debito';
  • un credito da riportare, 'credito'

Iva da versare

Viene visualizzato l'importo dell'IVA da versare, risulatante dalla liquidazione, esclusi eventuali interessi per i contribuenti trimestrali.

IVA a credito

Viene visualizzato l'importo dell'IVA a credito. Nel caso di debito da riportare questo campo riporta l'importo a debito con segno meno.

Importo Interessi

Viene visualizzato l'importo degli interessi relativi alla liquidazione (per i trimestrali).

Cartella Altri dati :

Importo richiesto a rimborso(annuale)

Se alla fine dell'anno iva viene richiesto un rimborso, indicare qui l'importo chiesto a rimborso (andrà in decuratazione del credito compensabile da riportare a nuovo).

Importo richiesto a rimborso (infraannuale)

Se nel corso dell'anno iva viene richiesto un rimborso, indicare qui l'importo chiesto a rimborso (andrà in decuratazione del credito in corso d'anno da riportare a nuovo).

Iva da registri non di competenza della liquidazione

In questo campo viene evidenziato l'importo complessivo dell'iva relativa a movimenti/registrazioni del periodo che , per data competenza diversa da data registrazione, non entrano nel conteggio dell'iva a credito/debito del periodo di liquidazione.

Iva non da registri di competenza delle liquidazione

In questo campo viene evidenziato l'importo complessivo dell'iva relativa a movimenti/registrazioni di periodi precedenti che , per data competenza diversa da data registrazione, entrano nel conteggio dell'iva a credito/debito del periodo di liquidazione, pur non essendo registrati nei registri iva nello stesso periodo.

Credito compensabile 1.o trimestre utilizzato

Attualmente non gestito

Credito compensabile 2.o trimestre utilizzato

Attualmente non gestito

Credito compensabile 3.o trimestre utilizzato

Attualmente non gestito

Imponibile totale corispettivi ventilati

74ter (servirà per le liquidazioni annuali e comunicazione annuale Iva)

Iva totale corrispettivi ventilati

74ter (servirà per le liquidazioni annuali e comunicazione annuale Iva, e per riliquidazione annuale corrispettivi in ventilazione)

Cartella Versamento :

Credito altre imposte da F24

Contiene l'importo del credito delle altre imposte utilizzato per diminuire l'importo dell'IVA da versare. Inserito dall'utente per diminuire l'importo iva da versare nel periodo. Non ha niente a che fare con le estromissioni. Semplicemente, se inserito, segnala sui registri iva/liquidazione il fatto di aver compensato in F24 il debito iva del periodo con un credito di altra natura presente in F24.

Un esempio: risultato della liquidazione 150,00. Importo che viene versato effettivamente 100,00, importo che viene indicato in questo campo 50,00. è un modo per motivare, all'interno della liquidazione IVA, il minor versamento eseguito. Nel campo a seguire è possibile indicare la natura dei 50,00 euro di credito. Il risultato della liquidazione sarà sempre e comunque 150,00.

Il campo può essere usato anche per indicare l'importo dell'IVA già versata relativa ad acquisto di auto da comunità europea, in pratica già da un po' se si acquista un auto nella comunità europea l'IVA va versata subito (senza aspettare la fattura/liquidazione IVA). Ovviamente in liquidazione IVA l'importo che dovrà essere versato deve essere diminuito dell'IVA già pagata.

Descrizione altre imposte d F24

Strettamente correlato al campo precedente. Contiene la descrizione (es. la natura del credito utilizzato in F24) relativamente al credito altre imposte utilizzato per diminuire l'IVA da versare.

Importo del versamento

Indicare l'importo effettivo del versamento effettuato.

Data del versamento

Indicare la data del versamento.

Nome azienda di credito

In caso di versamento il nome dell'Azienda di credito presso la quale è stato eseguito il versamento.

Codice dipendenza/codice azienda di credito

Indicare il CAB e l'ABI dell'Azienda di credito presso la quale è stato eseguito il versamento.

Altri Dati (2):

Questa cartella contiene ulteriori dati , che hanno un significato solo per le liquidazioni di tipo annuale.

Ventilazione : differenza tra iva rilevata nell'anno e liq. Annuale

Riporta appunto la differenza tra quanto calcolato in corso d'anno sulla base di ventilazioni mensili/trimetrali , e la riliquidazione dei corrispettivi nel complesso su base annuale.

Pro-rata: percent. Indeducibilità definitiva

Riporta la percentuale ricalcolata di indeducibilità sulle operazioni esenti.

Pro-rata : Iva indeducibile rilevata nell'anno

Riporta la parte di iva inded. Calcolata durante l'anno (sulla base dell'aliquota provvisoria applicata).

Export/Import Saldi/Partite/Scadenze

Permette di esportare o importare da un'azienda, ad una determinata data:

- i saldi dei conti non gestiti a partite o partite/scadenze,

- i saldi delle partite aperte dei conti gestiti a partite (ma non a scadenze),

- i saldi delle partite e le scadenze dei conti gestiti a partite e scadenze.

Se ne ottiene un file ascii, denominato bscgiepa.txt, che può essere importato in altra azienda priva di movimenti contabili, per effettuare automaticamente registrazioni di tipo "Apertura Conti" per tutti i conti.

Export Selezionare per eseguire un export di saldi/partite/scadenze.

Import Selezionare per eseguire un import di saldi/partite/scadenze.

Esporta i saldi alla data Indicare la data alla quale riferire i saldi delle partite/scadenze da esportare.

Esercizio di competenza Indicare l'esercizio di competenza delle registrazioni da esportare oppure l'esercizio di competenza da attribuire alle registrazioni di import.

Solo conti patrimoniali e conti d'ordine Spuntare se l'import/export deve riguardare solo i conti appartenenti allo stato patrimoniale e ai conti d'ordine.

Importa i saldi con data Indicare la data con cui inserire la registrazione di apertura.

Causale contabile Indicare la causale con cui registrare il movimento di importazione, che deve essere di tipo "Apertura conti".

Conto riapertura Indicare il conto di riepilogo nel quale far confluire la registrazione di importazione saldi, tipicamente "Bilancio di apertura" oppure "Stato patrimoniale iniziale".

TRACCIATO RECORD DEL FILE bscgiepa.txt

Posizione Lungh. Tipo Descriz. Formato/note
1 1 AN Tipo rk (1=saldo conto no partite,2=saldo conto con partite 3=scadenza)  
2 9 NUM Cod. conto  
3 4 NUM Anno partita (per part e scad)
4 1 AN Serie partita (per part e scad)
5 9 NUM Num partita (per part e scad)
6 4 NUM Num rata (solo x scadenze)
7 13 NUM Saldo (valore assoluto) in lre/euro 11 int + 2 dec
8 1 AN Segno (D=dare A=avere)  
9 13 NUM Saldo in valuta (valore assoluto) 11 int + 2 dec
10 4 NUM Cod. valuta (anche 0)  
11 13 NUM Cambio (zero se cod.val=0) 4+9 dec
12 10 AN Data scad, gg/mm/aaaa
13 1 AN Integrativa (S/N) default = N  
14 1 NUM Tipo pagamento (1=tratta 2=rb 3=rd 4=contanti 5=bonifico banc. (solo per scadenze)
15 4 NUM Cod. pagamento (anche 0) (solo x scad.)
16 9 NUM Cod. Conto Contropartita (solo x scad.)
17 10 AN DATA Documento gg/mm/aa (solo per scadenze)
18 1 AN Serie documento (solo per scadenze)
19 9 NUM Numero documento (solo per scadenze)

Il file dev'essere compilato nel seguente modo:

  • se il conto non è gestito a partite e scadenze (tipo Cassa contanti), nel file va inserito un record con marcatore '1'
  • se il conto è gestito solo a partite e non a scadenze, per ogni partita va inserito un record di tipo '2' e nessun record di tipo '1'
  • se il conto è gestito a partite e scadenze, per ogni partiva va inserito un record di tipo '2' e, a seguire, i record di tipo '3' col dettaglio delle scadenze collegate alla partita (attenzione a NON invertire i record 2 e 3 inserendo prima il record di tipo 3, poi quello di tipo 2); non é mai possibile avere solo un record di tipo “3” senza record di tipo “2”.

Per ottenere un esempio del file, lanciare l'export su una ditta che ha movimenti contabili registrati su Business e verificarne la struttura sul file bscgiepa.txt, creato nella directory Asc.

Riattribuzione Numeri di Protocollo

Questo programma consente di rinumerare le fatture di acquisto o vendita registrate in un determinato periodo su un determinato registro IVA. Questa operazione può essere utile nel caso in cui non ci sia allineamento tra i numeri di protocollo e le date dei documenti. Può ad esempio accadere che nella stampa dei Registri iva venga segnalato che due o più fatture di acquisto non siano registrate consecutivamente. Supponiamo Protocollo n° 13 del 02/03/13 e protocollo n° 14 del 01/03/13. In questo caso la stampa dei registri IVA segnalerà che numero protocollo 14 non è consecutivo con 13.

Il programma può essere usato solo su registri con protocollo svincolato dal numero documento (vedi impostazione di tale flag nell'anagrafica ditta - esercizi IVA - registri IVA).

Per il registro acquisti i documenti vengono rinumerati in ordine di data registrazione / numero registrazione

Per il registro vendite i documenti vengono rinumerati in ordine di data registrazione / numero documento / serie documento / numero registrazione.

image001

Registro

Indicare se l'elaborazione deve aggiornare un registro acquisto o uno vendite.

Anno iva

Indicare l'anno iva a cui appartengono le registrazioni a cui si vuole apportare le modifiche.

Registro Acquisti N°

Indicare ( nel caso in cui si gestiscano più registri acquisti) il n° di registro da rinumerare altrimenti indicare 1 se si ha un solo registro acquisti.

Serie protocollo

Indicare quale serie di protocollo richiede una rinumerazione.

Dalla data

Indicare la data di partenza alla quale apportare modifiche (Supponiamo si voglia rinumerare tutto il mese di marzo indicare 01/03/2013). Tale data non può essere inferiore alla data ultima stampa in definitiva del registro IVA.

Alla data

Indicare la data finale del periodo che si desidera rinumerare (Supponiamo si desidera rinumerare tutto il mese di marzo indicare 31/03/2013).

Aggiorna numeratore protocollo

Scegliendo questa opzione il programma aggiorna il numeratore nella tabella Numerazioni. Mi andrà ad indicare il n° ultimo di protocollo.  È  una scelta razionale solo se sto rinumerando l'ultimo periodo di registrazioni (ad es. l'ultimo mese di registrazioni).

Cambio data registrazione Prima Nota

Questo programma consente di modificare la data di registrazione ad una registrazione di Prima nota (normale o integrativa) già inserita precedentemente. Inserire i dati richiesti e poi premere F7 per procedere. E' possibile effettuare uno zoom partitari su uno specifico conto selezionando le registrazioni con esercizio di competenza l'esercizio corrente.

image001

Data di registrazione

Inserire la data della registrazione a cui deve essere cambiata la data.

Numero di registrazione

Inserire il numero della registrazione a cui deve essere cambiata la data.

Nuova data di registrazione

Inserire la data registrazione da attribuire al posto della vecchia.

Nuovo numero di registrazione

Nel campo verrà indicato il nuovo numero attribuito alla registrazione dopo l'elaborazione.

Cambia anche Esercizio Contabile/Esercizio di competenza

Spuntare anche questa opzione se oltre alla data si vuole anche cambiare l'esercizio di competenza della registrazione.

Controllo Saldi Partite/Scadenze

Questo programma produce tre tabulati che riportano rispettivamente:

- l'eventuale presenza di scadenze in scadenziario che sono aperte (a parità di partita di combinazione codice Cliente/fornitore-anno-serie-n_partita) per un importo complessivo diverso dalla relativa partita contabile

- l'eventuale presenza di scadenze relative ad una partita che contabilmente risulta chiusa o inesistente ed invece in scadenziario risulta aperta.

- l'eventuale presenza di scadenze relative ad una partita che contabilmente risulta aperta ed invece in scadenziario risulta chiusa o inesistente.

Questo controllo è effettuato solo per clienti, fornitori, sottoconti gestiti a partite e scadenze.

Se non ci si avvale della possibilità d'inserire manualmente scadenze in scadenziario (extracontabili), questa elaborazione dovrebbe originare sempre tre fogli bianchi. Eventuali disallineamenti tra saldi delle partite e saldi delle scadenze potrebbero emergere in seguito ad eventi che abbiano determinato il non corretto e contestuale aggiornamento della tabella scadenziario SCADEN e dei movimenti contabili PRINOT. Questo può succedere a causa di danneggiamento del database, esecuzione di elaborazioni esterne alla procedura (es. un'importazione di dati contabili eseguita senza perizia e conoscenza delle relazioni tra le tabelle del database), ecc.

In ogni caso in presenza di incongruenze non dovute all'eventuale inserimento manuale di scadenze in scadenziario, occorre analizzare le tabelle indicate e sistemare manualmente le incoerenze, per lo più inserendo, togliendo o modificando il contenuto di records nella tabella SCADEN.

Menu Strumenti | Cancella La funzione permette di cancellare tutte le scadenze generate da contabilità presenti in scadenziario ma non in prima nota.

Sintesi e statistiche

Questo programma espone una situazione finanziaria istantanea del cliente: i dati esposti sono sempre aggiornati poichè calcolati al momento.

Saldo contabile esercizio in corso Riporta il saldo contabile del conto delle registrazioni di prima nota con data registrazione minore o uguale alla data di analisi.

RD con data autorizzazione Contiene il valore totale delle scadenze non saldate e col campo "Data autorizzazione" compilato, relativamente al conto in analisi. Tale campo è gestito da Gestione scadenziario.

RB a rischio (solo clienti) Contiene il valore totale delle ricevute bancarie ancora aperte sul conto effetti attivi, non insolute e con data scadenza maggiore della data d'analisi diminuita del numero di giorni di attesa esito RB, indicato in Personalizzazione contabilità generale. Considera tutti i giorni di calendario.

Rischio primo Contiene la somma di: Saldo contabile - RD con data autorizzazione + RB a rischio.

Fatture non contabilizzate Contiene il valore totale, al netto di incassato, abbuono e omaggi, delle fatture in magazzino non ancora contabilizzate e con data di testata documento non superiore alla data di analisi, stornato del valore totale delle Note di Accredito, ricevute per i fornitori e emesse per i clienti. Per i clienti sono considerati i seguenti documenti di magazzino: Fatture Immediate Emesse, Fatture Differite Emesse, Corrispettivi Emessi e Note di addebito Emesse; per i fornitori i documenti valutati sono le Fatture Immediate e Differite ricevute. Dai documenti emessi sono esclusi quelli contrassegnati come "Proforma".

Bolle da fatturare Contiene il valore totale, al netto di incassato, abbuono e omaggi, delle bolle che dovranno essere fatturate e con data di testata documento non superiore alla data di analisi. Per documenti da fatturare sono intesi tutti quelli che nel Tipo bolla fattura hanno settato "Segue fattura". Per i clienti sono filtrati i D.D.T. Emessi, per i fornitori D.D.T. Ricevuti e Carichi da Produzione.

Rischio finanziario Contiene la somma di: Rischio primo + Fatture non contabilizzate + Bolle da fatturare.

Ordini da evadere Contiene il valore totale delle righe (al lordo dell'Iva) degli ordini non ancora evasi, la cui data di testata ordine è inferiore o uguale alla data ordine con data ordine minore della data odierna. Per i fornitori sono presi in considerazione gli ordini a fornitore e gli ordini di produzione, per i clienti sono presi in considerazione gli impegni clienti.

Corrente Se il programma è richiamato da Gestione ordini o Gestione documenti di magazzino, contiene il valore totale del documento aperto, al lordo dell'Iva. Se il documento corrente appartiene a Gestione ordini ed è in stato di aperto, il valore mostrato corrisponde alla sola parte di inevaso.

Rischio totale Contiene la somma di: Rischio finanziario + Ordini da evadere + Corrente.

Fido Nella prima colonna è evidenziato l'ammontare del fido da utilizzarsi per emettere un eventuale messaggio d'avvertimento, nella seconda colonna l'importo totale del fido concesso al cliente. Il fido d'avvertimento è calcolato applicando la percentuale di Fido avvertimento indicata in "Personalizzazione contabilità generale" sul totale del fido concesso al cliente.

Sforamento fido Lo sforamento fido indicato nella colonna di sinistra è dato dalla differenza tra Rischio totale e fido di avvertimento. Lo sforamento fido indicato nella colonna di destra è dato dalla differenza tra Rischio totale e fido concesso al cliente.

RD scadute da più di 30 giorni Contiene l'importo dato dalla somma delle scadenze non saldate con data scadenza minore della data di analisi, diminuita di 30 giorni.

RD scadute Contiene l'importo dato dalla somma delle scadenze non saldate con data scadenza minore della data di analisi.

Numero insoluti negli ultimi 12 mesi Contiene il numero degli insoluti con data scadenza minore o uguale alla data di analisi che il cliente ha effettuato negli ultimi 12 mesi, calcolati alla situazione attuale. Le informazioni sono prelevate dallo scadenziario.

Importo insoluti negli ultimi 12 mesi Contiene il valore totale degli insoluti con data scadenza minore o uguale alla data di analisi che il cliente ha effettuato negli ultimi 12 mesi, calcolati alla situazione attuale. Le informazioni sono prelevate dallo scadenziario.

Numero insoluti in essere Contiene il numero degli insoluti non saldati con data scadenza minore o uguale alla data di analisi. Le informazioni sono prelevate dallo scadenziario alla situazione attuale.

Importo insoluti in essere Contiene il valore totale degli insoluti con data scadenza minore o uguale alla data di analisi. Le informazioni sono prelevate dallo scadenziario alla situazione attuale.

Blocco conto Se il cliente è bloccato, visualizza la motivazione del blocco.

Fatturato Nelle tre caselle è riportato il fatturato al netto dell'Iva da inizio anno alla data di analisi per l'anno in corso e da inizio a fine anno per i due anni precedenti.

La schermata Sintesi e statistiche propone le informazioni alla situazione attuale. Per data di analisi si intende, a seconda del programma di lancio:

data documento per Gestione Documenti di Magazzino, Gestione unificata documenti, Gestione parcelle e notule;

data ordine per Gestione Ordini;

data offerta per Gestione Offerte;

data (al) per Consolle Clienti/Fornitori/Articoli;

al giorno per la Stampa su Griglia della Stampa/Visualizzazione Partitari;

data corrente per gli altri programmi.

Per la gestione di MAV, RID, e Bonifici esteri consultare la sezione Forme di pagamento.



NTS Informatica SRL  
Strada Statale Rimini San Marino142 
47924 Rimini (RN) | Italy | T. +39 0541 906611
P.IVA 02019510409 | REA RN-234990 | Cap. Soc. € 61.973,00 I.V.

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione, NTS Informatica utilizza i cookies. Continuando sul sito, autorizzi l’utilizzo dei cookie.